Header Top
Logo
Martedì 27 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Caso Ligresti: Grillo, Napolitano e Letta zitti per non essere travolti

colonna Sinistra
Sabato 2 novembre 2013 - 12:33

Caso Ligresti: Grillo, Napolitano e Letta zitti per non essere travolti

(ASCA) – Roma, 2 nov – ”Nessun monito da parte di Napolitanoper questo scandalo per l’ingerenza di un ministro su unadetenzione, avvenuta grazie a rapporti di lunga data conLigresti. Non un fiato da Capitan Findus Letta. Hanno pauradi essere travolti e credono che il silenzio li salvera’, masono gia’ condannati”. E’ quanto si legge in un postpubblicato questa mattina sul blog del leader del Movimento 5Stelle, Beppe Grillo. ”La Idem – si legge nel post daltitolo ‘Mozione di sfiducia per la Cancellieri’ – a causadell’Ici non pagata ha dato le dimissioni in dieci giorni. LaCancellieri forse non le dara’ mai. Il motivo e’ semplice. LaCancellieri fa parte di quel mondo composto da politici,banchieri, istituzioni, finanzieri, inestricabile come unaforesta pietrificata”.

”Di fronte ad un’indagine ancora in corso, gli elementi adisposizione della magistratura richiedono un chiarimento suquanto sia davvero accaduto, e il solo sospetto che unMinistro della Giustizia possa aver ricevuto ed esercitatopressioni, e’ un’ombra di cui un membro delle istituzioni nonsi puo’ vestire. D’altra parte – si legge ancora nel post -siamo memori di un caso, avvenuto nella scorsa legislatura, eriguardante un Presidente del Consiglio dei Ministri e laQuestura di Milano che puo’ sembrare molto simile allasituazione in questione. Un Ministro della Giustizia che sisia lasciato condizionare nel suo operato dai suoi rapportipersonali con la famiglia Ligresti – e dai rapporti economicipoco chiari del figlio – agendo, oltretutto, con una marcatadisparita’ di trattamento verso gli altri detenuti ‘noneccellenti’, ed utilizzando i magistrati che operanoall’interno del ministero, e’ un’ombra indelebile sulla suafigura istituzionale da un punto di vista etico, morale epolitico. Per tutti questi motivi, visti gli articoli 94della Costituzione e 115 del Regolamento della Camera deideputati; esprime sfiducia al Ministro della Giustizia AnnaMaria Cancellieri e lo impegna a rassegnare le dimissioni”.

brm/sam/

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su