Header Top
Logo
Venerdì 23 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Pd: Pittella, depuriamolo da signori tessere. Politica si fa tra gente

colonna Sinistra
Venerdì 1 novembre 2013 - 10:59

Pd: Pittella, depuriamolo da signori tessere. Politica si fa tra gente

(ASCA) – Roma, 1 nov – ”Bisogna uscire da una politica dislogan. La politica si fa tra la gente, mica su twitter. Iosto tra i cittadini, mentre i miei compagni e amici stannopiu’ in televisione. C’e’ tanta voglia di politica, questotipo di campagna congressuale, che non e’ a suon di tessere odi pacchetti di voti, e’ molto bella. Le persone fannodomande, chiedono impegni e mi sto rendendo conto come ci siaun tessuto di donne e di uomini assolutamente spendibile inun progetto di ricostruzione e di rilancio del Pd. C’e’bisogno di un Pd che superi il correntismo, che conservicerte aree culturali e certi riferimenti, mentre oggi e’tutto ricondotto ad una filiera personale”. Lo affermaGianni Pittella, candidato alla segreteria del Pd e vicepresidente vicario del Parlamento europeo, in una intervistaa L’Unita’. ”I nostri militanti sono stanchi di un partito chediscute e discute, poi non decide mai: sulla collocazioneeuropea, sulla riforma del welfare, su quella elettorale, sulfisco, sulla riduzione delle spese militari e lariconversione di una parte di queste spese per l’istruzione,non decidiamo. Io ho calcolato che basterebbe tagliare il 10%delle spese militari per recuperare alcune decine di miliardida spendere in piu’ per l’istruzione. Sul Mezzogiorno -continua Pittella – il partito e’ completamente afono. La miae’ la posizione autenticamente piu’ meridionalista: propongozone economiche speciali per il sud per attrarreinvestimenti, bisogna completare le infrastrutture, l’altavelocita’ non pub fermarsi a Salerno, serve una lottadurissima contro la criminalita’, un rapporto forte fraMezzogiorno e Mediterraneo, cultura, ambiente e turismodevono diventare il volano dello sviluppo economico. Sonoproposte concrete. Se in tutte queste cose il Pd non discutee poi decide e’ chiaro che il consenso non viene”. Sulle polemiche del tesseramento, Pittella infinesottolinea: ”E’ brutto che ci sia questa prova muscolare,dovuta soprattutto alla sfida locale. Io penso che si siaesagerato e consiglio a tutti una maggiore prudenza esobrieta’, stiamo con i piedi per terra, stiamo facendo uncongresso all’interno di uno stesso partito, cerchiamo didepurarlo da una carica di contrapposizione, specie a livellolocale”.

com-brm/sam/

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su