Header Top
Logo
Mercoledì 22 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Berlusconi: con voto palese spinta a resa dei conti nei partiti

colonna Sinistra
Mercoledì 30 ottobre 2013 - 19:50

Berlusconi: con voto palese spinta a resa dei conti nei partiti

(ASCA) – Roma, 30 ott – La decisione della giunta per ilregolamento del Senato sulla modalita’ di voto palese inAula, per la decadenza di Silvio Berlusconi da senatore, inbase alla legge Severino, al di la’ degli effetti immediatisulla questione rappresenta un passaggio importante negliequilibri interni ai vari partiti. Piu’ che un voto di meritoappare sempre di piu’ un voto squisitamente politico, con unocchio rivolto piu’ che a Silvio Berlusconi agli affari dicasa propria. E’ questa la lettura che molti parlamentaridanno della vicenda, a cominciare proprio dai partiti delcentrodestra.

Se per Silvio Berlusconi il passaggio e’ una strettoia chelo colpisce nell’immagine, togliendo al contempo spazio dimanovra per contrastare gli effetti della delibera didecadenza da parte della giunta per le elezioni, dal punto divista politico e in una prospettiva elettorale e’ tutto dadimostrare che la decisione sul voto palese gli remi contro.

”In un colpo solo Berlusconi potra’ giocare la carta delperseguitato, assurgendo a martire, e al contempo potra’mettere con le spalle al muro i suoi – osservano diversiparlamentari -. Col voto palese li potra’ guardare fissonegli occhi costringendoli a una scelta definitiva:confermare il supporto al Cavaliere e ‘strappare’ con ilpartner di governo, oppure tagliare definitivamente ilcordone ombelicale con il leader del partito e imboccareapertamente la strada della scissione”. Un dilemma su cuistanno ragionando diversi parlamentari, consapevoli che lascelta avra’ tempi strettissimi se e’ vero chel’orientamento, come sembra, e’ quello di portare laquestione decadenza in Aula del Senato alla meta’ di novembreo al massimo subito dopo il via libera del Senato alla Leggedi stabilita’, a fine mese. In campo Scelta civica sarebbe in realta’ il ‘redderationem’ tra montiani e popolari alla base della decisionedella senatrice Linda Lanzillotta, che si e’ rivelata oggil’ago della bilancia per la giunta di oggi e determinante peril voto palese. Quest’ultimo, oltre a tutte le considerazionigiuridiche e regolamentari, costringera’ ad uscire alloscoperto Casini e i suoi fedelissimi, facendo chiarezza incasa Sc piu’ di ogni altra riunione possibile. Anche in casa Pd l’accelerazione sul voto di decadenzaviene letto da piu’ parti come funzionale essenzialmente alCongresso di inizio dicembre, ed al posizionamento dei varischieramenti, con un Matteo Renzi che ancora ieri si e’trattenuto a lungo a Roma ed e’ apparso molto attivo neicontatti per consolidare la posizione pro voto palese. Allaluce dell’esito della giunta e del suo essersi schierato dasempre per la trasparenza, la posizione del sindaco diFirenze appare ora piu’ autorevole e rafforzata all’internodel Pd, anche se ciascuna componente del partito rivendica agran voce la propria parte.

njb

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su