Header Top
Logo
Giovedì 30 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Berlusconi: Schifani, motivazioni Appello confermano persecuzione

colonna Sinistra
Martedì 29 ottobre 2013 - 14:17

Berlusconi: Schifani, motivazioni Appello confermano persecuzione

(ASCA) – Roma, 29 ott – ”Le motivazioni della Corted’Appello di Milano sull’interdizione del presidenteBerlusconi sono acriticamente poggiate sulle precedentisentenze di merito sul caso Mediaset”. Lo dichiara ilpresidente dei senatori del Pdl, Renato Schifani, commentandole motivazioni della Corte d’Appello di Milano della sentenzache ha condannato l’ex premier all’interdizione dai pubbliciuffici per due anni in seguito alla decisione della Corte diCassazione. Per la Corte d’Appello di Milano SilvioBerlusconi ”e’ ritenuto ideatore, organizzatore del sistemae fruitore dei vantaggi relativi”. Per i magistrati”l’oggettiva gravita’ del fatto deriva dalla complessita’ ditale sistema”. Inoltre nelle motivazioni i giudici d’appellospiegano che la legge Severino ”ha un ambito di applicazionedistinto, ben diverso e certamente non sovrapponibile” conquello oggetto del processo con cui Berlusconi e’ statocondannato all’interdizione.

Schifani spiega, in una nota, che ”cosi’ come abbiamocriticato” le pronunce della Cassazione ”perche’ ingiuste esenza prove sulle presunte responsabilita’ di Berlusconi,altrettanto facciamo con quest’ultima. La persecuzionegiudiziaria contro il nostro leader prosegue senza soste, contempistiche e velocita’ incredibili, non riscontrabili nellastoria della giustizia italiana. Per Berlusconi e’ statopossibile che in pochi mesi si siano avute tre sentenze, duedi diversi collegi delle Corti d’Appello e una dellaCassazione riunitasi ad hoc in agosto. Rimane una solacertezza: non saranno sentenze cosi’ confezionate chepotranno far uscire di scena un leader politico amato evotato da tanti milioni di italiani. Berlusconi restera’,comunque vadano le cose, la guida politica delcentrodestra”. ceg

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su