Header Top
Logo
Martedì 27 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Umbria: Napolitano, Premio Citta’ di Castello punto di riferimento

colonna Sinistra
Lunedì 28 ottobre 2013 - 13:46

Umbria: Napolitano, Premio Citta’ di Castello punto di riferimento

(ASCA) – Citta’ di Castello, 28 ott – Il Premio letterariointernazionale ”Citta’ di Castello” ha saputo ”nel tempoaccreditarsi come punto di riferimento nel panoramaletterario italiano”, rimarcando l’attenzione particolarededicata ai mondi e alla culture dell’area del Mediterraneo.

E’ uno stralcio del messaggio pervenuto dal presidente dellaRepubblica, Giorgio Napolitano, e letto durante la cerimoniadi premiazione del concorso. Da quest’anno, infatti, e’ stataattivata la sezione ”Mondi e Culture sulle sponde delMediterraneo” con l’obiettivo di promuovere la conoscenza,la cooperazione e l’interazione tra la cultura italiana e lacultura araba dei Paesi della Riva sud del Mediterraneo. ”IlPremio letterario ”Citta’ di Castello’ – ha sottolineatoAntonio Vella, presidente dell’associazione culturalepromotrice ”Tracciati virtuali’ – e’ l’unica iniziativa delgenere in Italia che a partire da quest’anno avra’stabilmente una sezione speciale permanente dedicata apromuovere la conoscenza, la cooperazione e l’interazione trala cultura italiana e la cultura araba dei Paesi della spondaSud del Mediterraneo, soprattutto dopo i fermenti culturaliche, anche se con risultati politici alterni, stannoispirando le primavere arabe”. Per la prima edizione, ilPremio e’ stato attribuito allo scrittore egiziano IbrahimSonallah che si e’ detto ”fiero e onorato” delriconoscimento che ”esprime quel rapporto speciale che dasempre lega il popolo egiziano e quello italiano”. Sonallahha richiamato l’attenzione anche sulla situazione che staattraversando l’Egitto. ”Nel mio soggiorno tifernate – hadetto fra l’altro – ho avuto l’opportunita’ di ammirare leopere dei vostri grandi artisti, quali Alberto Burri. Neemerge la forza della creativita’ e dell’innovazione,minacciata nel mio Paese”. Dal 2012, inoltre, il Concorso haattivato la sezione speciale ”1970-2020: Verso il 50*anniversario della Regione Umbria”, in collaborazione conl’Isuc (Istituto per la Storia dell’Umbria contemporanea) edell’Icsim (Istituto per la cultura e la storia d’impresa)”Franco Momigliano), con l’obiettivo di promuovere studi inquesto ambito di ricerca per ”ancorare ancora di piu’ ilPremio alla realta’ regionale – ha rilevato AlbertoStramaccioni, docente dell’Universita’ per Stranieri diPerugia, autore di numerosi studi storico-politici, fra icomponenti della giuria – e approfondire gli studi su unaRegione che ha un’identita’ meno definita rispetto adaltre”. Il primo premio e’ stato attribuito a ValerioMarinelli, autore di una raccolta di documenti e materialisull’Umbria dall’Unita’ d’Italia agli anni Novanta che sara’pubblicata nella collana ”Studi storici” del Premio. pg/rus

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su