Header Top
Logo
Martedì 28 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Legge stabilita’: Capezzone a Delrio, suggerisco piu’ cautela

colonna Sinistra
Venerdì 25 ottobre 2013 - 18:28

Legge stabilita’: Capezzone a Delrio, suggerisco piu’ cautela

(ASCA) – Roma, 25 ott – ”Mi spiace polemizzare con ilministro Delrio: come si dice, nulla di personale, anzi. Mami spiace ancora di piu’ che al Ministro sembri sfuggiremolto della manovra approvata dal Governo, e della relativarelazione tecnica. Per questo, suggerisco cautela a Delrio eai difensori acritici della manovra”. Lo afferma in una notaDaniele Capezzone, presidente della commissione Finanze dellaCamera e coordinatore dei dipartimenti Pdl.

”Dalla relazione tecnica si legge che ad aliquota base laTasi vale 3.76 miliardi di euro; ed e’ evidente che con lospazio fiscale lasciato ai Comuni puo’ arrivare fino a 9miliardi di euro. E considerate le difficolta’ economiche deiComuni difficilmente si attesteranno sull’aliquota base. Acio’ – aggiunge Capezzone – si devono aggiungere ulterioriconsiderazioni su particolari aspetti tralasciati dalMinistro: 1. l’aliquota massima del 2.5 per mille vale soloper il 2014, per gli anni successivi il tetto crescera’; 2.

deduzioni e detrazioni che prima erano automatici e di fattogarantivano l’esenzione a 5 milioni di abitazioni popolari,ora vengono lasciati alla discrezionalita’ dei Comuni.

Il Ministro, addirittura, auspica lo sforamento del tetto del2.5 per mille per consentire ai Comuni di introdurrededuzioni e detrazioni. Come a dire che solo aumentandoulteriormente la tassazione sull’abitazione principale sara’possibile ottenere qualche sconto; 3. L’aliquota standarddella Tasi dell’1 per mille si potra’ aggiungere a quellamassima dell’Imu (10.6 per mille), portando l’aliquotamassima all’11.6 per mille; 4. Viene introdotta, addiritturacon effetti retroattivi, la tassazione Irpef sulle casesfitte nonostante il dato in tendenziale aumento causacrisi.

In definitiva sommando l’aggravio sulle prime case primaesenti dall’Imu, e sulle quali ora si dovra’ pagare la Tasi(5 milioni), la possibile adozione da parte dei Comunidell’aliquota massima del 2.5 per mille nel 2014 (limitetroppo basso per il Ministro) e persino oltre negli annisuccessivi, l’aumento di aliquota su tutti gli altriimmobili, la tassazione retroattiva sulle case sfitte lapatrimoniale sugli immobili, nome appropriato, potrebbepassare da 20 a oltre 30 miliardi di gettito”, concludeCapezzone.

com-ceg

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su