Header Top
Logo
Lunedì 27 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Lombardia: Maroni, centralismo Roma anche in agricoltura. Non cederemo

colonna Sinistra
Giovedì 24 ottobre 2013 - 14:06

Lombardia: Maroni, centralismo Roma anche in agricoltura. Non cederemo

(ASCA) – Cremona, 24 ott – ”Anche sull’agricoltura c’e’ iltentativo del governo di togliere poteri alle regioni e diaccentrare tutto. Un neo-centralismo che noi contrasteremocon ogni mezzo e non solo nell’agricoltura, ma in tutto ilresto. E’ un ritorno al passato che noi contrasteremo conogni mezzo. Sull’agricoltura terreno di confronto, mi auguronon di scontro, non intendiamo cedere di un millimetro”. E’ quanto ha dichiarato – riferisce una nota – ilpresidente della regione Lombardia, Roberto Maroni, aprendooggi, a Cremona, al quartiere fieristico di Ca’ de Somenzi,la 68a edizione della Fiera internazionale del Bovino dalatte.

”La buona notizia – ha osservato Maroni – e’ che la fieraha un incremento di presenze di quasi l’8 per cento rispettoal 2012. Poi c’e’ una brutta notizia che, come al solito,viene da Roma: nella Legge di stabilita’ ci sono tagli anchealla Lombardia nel settore agricolo. E l’altra brutta notiziaviene da Bruxelles, con la riduzione dei fondi per laprogrammazione europea 2014-2020”.

Con oltre 400 campioni di razza bovina ospitati da 12paesi, 856 marchi e piu’ di 75 istituzioni coinvolte edeventi organizzati, la fiera di Cremona ”e’ perfetta perExpo2015”, ha evidenziato Maroni. ”L’agricoltura e l’agroalimentare – ha detto ancora ilpresidente – sono il settore piu’ importante dal punto divista economico nei programmi di sviluppo della Lombardia,l’unica regione in Europa che ha anticipato la Pac al 70 percento. In vista di Expo dobbiamo valorizzare eccellenze comequeste: studieremo molte iniziative per valorizzare Cremonadurante i mesi di Expo ma anche prima e, soprattutto,dopo”.

Tornando a puntare il dito contro il governo, Maroni hasottolineato che ”nella Legge di stabilita’ c’e’ un taglioingente di risorse per tutto il comparto agricolo e per tuttala Lombardia: cercheremo di far fronte a questo, ma non sara’facile. Nel nostro Piano di sviluppo rurale vedremo comeintervenire, ma purtroppo questo taglio c’e’ e ci penalizzain maniera molto forte”, ha ribadito il presidente dellaLombardia.

com-stt/mau

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su