Header Top
Logo
Sabato 25 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Imu: Fornaro (Pd), primo passo verso nuovo modello

colonna Sinistra
Giovedì 24 ottobre 2013 - 12:16

Imu: Fornaro (Pd), primo passo verso nuovo modello

(ASCA) – Roma, 24 ott – ”Il voto di oggi e’ sicuramente unpasso avanti verso un nuovo modello della tassazioneimmobiliare. Con questo decreto legge, infatti, nellaprospettiva del passaggio nel 2014 a un sistema di servicetax, definito Trise, non e’ piu’ dovuta la prima ratadell’Imu. Ma nel testo che votiamo sono presenti anche altreimportanti esenzioni e agevolazioni che testimonianol’attenzione dell’esecutivo alle richieste degliamministratori locali e di diversi settori produttivi”. Lodichiara il senatore del Partito Democratico, FedericoFornaro, relatore del Dl Imu-Cig che sara’ approvato questamattina nell’aula del Senato. ”Sono esentati dalla seconda rata dell’Imu – spiega – ifabbricati costruiti dalle imprese e destinati alla vendita,gli alloggi sociali e, a partire dal 2014, anche gli immobilidestinati alla ricerca scientifica. Gli effetti dellatassazione dell’Imu sono anche attenuati per una serie dicategorie tra le quali forze armate, polizia e vigili delfuoco: per loro non sono piu’ richieste le condizioni delladimora abituale e della residenza anagrafica per ilriconoscimento dell’abitazione principale. All’interno deldecreto c’e’ poi un capitolo importante che riguarda anche lacedolare secca per gli affitti, che passa dall’attuale 19% al15%, per favorire la riemersione del sommerso, ma anche uncospicuo intervento della Cassa Depositi e Prestiti per farriprendere il volano dei mutui per l’acquisto della primacasa”. ”Anche la finanza locale ha importanti agevolazionigrazie a questo decreto. Su richiesta dei comuni si potra’continuare ad applicare la Tarsu con i regolamenti del 2012 esono gia’ state rimborsate le risorse della prima rata. Puo’sembrare una cosa normale ma uguale tempestivita’ non c’erastata – conclude Fornaro – quando fu cancellata l’Ici sullaprima casa da parte dell’allora governo Berlusconi. Perquanto riguarda la Cassa integrazione in deroga, infine, ilfondo e’ stato rifinanziato con 500 milioni su richiestadelle regioni”.

sgr/mau

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su