Header Top
Logo
Mercoledì 28 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Ue: Moavero, Italia migliora su infrazioni diritto. Scendono nel 2012

colonna Sinistra
Mercoledì 23 ottobre 2013 - 14:31

Ue: Moavero, Italia migliora su infrazioni diritto. Scendono nel 2012

(ASCA) – Roma, 23 ott – Migliora la situazione delleprocedure per infrazione sull’applicazione del dirittodell’Unione europea contestate all’Italia. Lo afferma ilministro per gli Affari europei, Enzo Moavero Milanesicommentando la pubblicazione, a cura della Commissioneeuropea, del 30simo Rapporto annuale sull’applicazione deldiritto dell’Ue, che contiene i dati aggiornati al 31dicembre 2012. ”I dati del 2012 – rileva Moavero – vedono ancoral’Italia nella posizione di Stato membro dell’Unione europeacon il maggior numero di procedure pendenti per infrazioni aldiritto UE (99). C’e’ peraltro, una significativa riduzionedel numero totale che era di 136, alla fine del precedenteanno 2011. Inoltre, anche sul piano qualitativo, lasituazione del nostro Paese presenta profili di positivaevoluzione”. Le procedure italiane per mancato o ritardatorecepimento di normative UE, sottolinea, ”risultavano essere17, alla fine del 2012; collocando il nostro Paese aldiciottesimo posto sui 27 Stati membri; con una prestazionemigliore rispetto, fra gli altri, a Belgio (34), Regno Unito(25), Austria (23) e Finlandia (21)”.

”Anche con riguardo ai deferimenti alla Corte diGiustizia UE, ai sensi dell’art. 260 par. 3 TFUE, per i qualila Commissione propone sanzioni pecuniarie – continua Moavero- la situazione italiana appare parecchio migliorata. Dei 35casi avviati nel 2012, infatti, nessuno riguardava il nostroPaese. Risultato molto importante perche’ si tratta dellasituazione piu’ grave di inadempimento agli obblighi chederivano dall’appartenenza di uno Stato all’UnioneEuropea”.

fdv

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su