Header Top
Logo
Lunedì 26 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Governo: Palma, se Berlusconi volesse crisi Quagliariello cosa farebbe?

colonna Sinistra
Lunedì 21 ottobre 2013 - 10:43

Governo: Palma, se Berlusconi volesse crisi Quagliariello cosa farebbe?

(ASCA) – Roma, 21 ott – Se fosse Silvio Berlusconi a volereaprire una crisi di governo, ” il ministro Quagliariello ealtri aderenti al PdL non si adeguerebbero?”. E’ quantopolemicamente chiede il senatore del Pdl Francesco NittoPalma, dopo le dichiarazioni rilasciate dal ministro delleRiforme, Gaetano Quagliariello, suo compagno di partito. ”Prendo atto – afferma Palma in una nota – che ilministro Quagliariello, di cui ignoravo sia le capacita’divinatorie che quelle di interpretazione del nostroelettorato, ha gia’ definito i futuri assetti delcentrodestra e del PdL-Forza Italia, in particolare relegandoil presidente Berlusconi al ruolo di padre nobile. Tanto dariaffermare che in caso di azzeramento, la cuiconcretizzazione puo’ passare solo ed esclusivamente dalladecisione del presidente Berlusconi, non entrera’ in ForzaItalia. O con me o senza di me! Certo e’ una sua ipotesi, evale quel che vale”. ”Cio’ che pero’ mi preoccupa – aggiunge – in un momentoin cui tutti stiamo lavorando per l’unita del partito e persuperare le attuali diversita’, e’ che il ministroQuagliariello, con tono non rasserenante, affermi che sequalcuno volesse aprire la crisi i numeri del 2 ottobresarebbero gli stessi, se non di piu’. Solo per capire: e se,per ipotesi, quel qualcuno fosse il Presidente Berlusconi,magari con l’avallo dell’ufficio di presidenza, il ministroQuagliariello e altri aderenti al PdL non si adeguerebbero?E, se fosse cosi’, vi sarebbe ancora un partito unico? O siritiene che per mantenere in vita il partito la sola stradaconcessa sia quella di seguire pedissequamente i diktat di untaluno che non trova nel voto, popolare o no, la sualegittimazione?”. ”Personalmente – conclude il presidente della commissioneGiustizia – penso che le affermazioni del ministroQuagliariello siano chiarissime, in sintonia perfetta conquanto affermato dal sen. Zanda il 2 ottobre, e costituisconoun nuovo forte elemento di divisione”.

com-sgr/sam/

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su