Header Top
Logo
Martedì 21 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Ue: Chiodi, da rivedere criteri ripartizione risorse a Regioni

colonna Sinistra
Giovedì 17 ottobre 2013 - 16:17

Ue: Chiodi, da rivedere criteri ripartizione risorse a Regioni

(ASCA) – L’Aquila, 17 ott – ”Il criterio della ripartizionedelle risorse e’ un problema sollevato gia’ da tempo e su cuimi sto battendo a tutti i livelli”. Il presidente dellaRegione Abruzzo, Gianni Chiodi, risponde cosi’ a una letterainviata da Confindustria in cui si palesa preoccupazionesulle risorse di cui andrebbe a beneficiare l’Abruzzo per ilsettennato 2014-2020. ”Sono grato per il suo intervento alPresidente regionale di Confindustria, Angelucci con il qualecondivido pienamente l’allarme – prosegue Chiodi – Devo pero’sottolineare che gia’ da tempo ho rappresentato il problemain sede di Conferenza delle Regioni, a livello governativo edeuropeo, per modificare i criteri di ripartizione dellerisorse, pur in presenza di tagli drammatici sui Fondistrutturali europei a livello nazionale. Del resto – ilGovernatore abruzzese – la programmazione dei FondiStrutturali Europei 2014-2020 per l’Abruzzo rappresenta unimportante strumento per le politiche di sviluppo regionale,per cui abbiamo sottoscritto un documento unitario con lealtre Regioni in transizione, nel quale chiediamo un incontrourgente con il ministro per la Coesione territoriale, CarloTrigilia, per rivedere alcune percentuali dicompartecipazione sui fondi europei 2014-2020 e recuperare ilgap di partenza nei confronti delle altre Regioni”. Chiodiricorda altresi’ che ”il 4 ottobre a Roma, davanti a unaplatea qualificata, sia come rappresentante delle Regioniitaliane, sia come delegato dall’Assemblea regioni europee(Aer), ho lanciato un allarme in diretta streaming,sostenendo una posizione molto dura davanti ai rappresentantidi istituzioni europee, europarlamentari, autorita’ regionalie nazionali italiane, imprese e associazioni, riuniti proprioper discutere dei fondi strutturali europei 2014-2020”. ”Inumeri sono in continua evoluzione – conclude Chiodi – e finoa quando non avremo avuto consapevolezza di un giustoriequilibrio non abbasseremo la guardia”. iso/res

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su