Header Top
Logo
Mercoledì 26 Luglio 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Legge stabilita’: Alfano, percorso sara’ migliorato in Parlamento

colonna Sinistra
Mercoledì 16 ottobre 2013 - 13:38

Legge stabilita’: Alfano, percorso sara’ migliorato in Parlamento

(ASCA) – Roma, 16 ott – ”Con questa manovra abbiamo iniziato a somministrare le vitamine degli investimenti senza fare debito e soprattutto senza aumentare le tasse. Abbiamo pertanto rifinanziato l’eco bonus per le ristrutturazioni edilizie e l’acquisto di arredi, sostenendo cosi’ gli investimenti privati. Abbiamo allentato il patto di stabilita’ per i Comuni al fine di favorire gli investimenti locali e riattivare il settore dell’edilizia. Siamo intervenuti sul costo del lavoro riducendo l’Irpef per i lavoratori e l’Irap per le imprese. E’ l’inizio di un percorso che andra’ certamente perseguito con ulteriore convinzione nel futuro e soprattutto rafforzato e migliorato in Parlamento. Non ci siamo dimenticati dei piu’ deboli e abbiamo rifinanziato la Social card e il 5 per mille, riconoscendo il valore straordinario del no profit in Italia. Non abbiamo tagliato la Sanita’ e abbiamo rifinanziato gli ammortizzatori sociali”. Lo afferma il vicepremier Angelino Alfano a proposito della legge di stabilita’. ”Abbiamo inoltre stanziato ingenti risorse – circa 110 miliardi di euro – per il nuovo ciclo di programmazione dei Fondi europei e nazionali per le politiche di coesione territoriale. Questo contribuira’ – osserva Alfano – ad aiutare soprattutto il Mezzogiorno. La Legge di Stabilita’ rispetta l’impegno preso con l’Europa di contenimento del deficit e inverte la tendenza sul debito pubblico. Sentiamo infatti la missione etica del buon padre di famigllia di non gravare sulle spalle dei nostri figli e di alleggerire il piu’ possibile il peso che erediteranno da noi in termini di debito pubblico. Infine, il capitolo Service Tax. Chi ci accusava che, cancellando l’Imu, saremmo stati costretti a fare rientrare dalla finestra quanto era uscito dalla porta e’ stato smentito dai fatti. La Service Tax pesa meno dell’Imu e contempla servizi locali erogati dai Comuni che il cittadino puo’ misurare direttamente. Abbiamo pertanto smentito le cassandre che non credevano che saremmo riusciti a varare una manovra che mantiene i conti in ordine diminuendo le tasse”. com-ceg

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su