Header Top
Logo
Venerdì 28 Aprile 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Legge stabilita’: Antonini (Copaff), Sanita’ ha il meglio e peggio al mondo

colonna Sinistra
Martedì 15 ottobre 2013 - 12:19

Legge stabilita’: Antonini (Copaff), Sanita’ ha il meglio e peggio al mondo

(ASCA) – Roma, 15 ott – La Sanita’ italiana ”comprende il meglio e il peggio del mondo” e doventerebbeun sistema ”insostenibile” a fronte di nuovi tagli lineari. Lo ha detto alla trasmissione ‘Prima di tutto’ di Rai radio 1, Luca Antonini, presidente della Commissione tecnica paritetica per l’attuazione del federalismo fiscale(Copaff) nel giorno in cui il governo e’ chiamato a varare la legge di stabilita’ che, in base alle anticipazioni, dovrebbe prevedere 4 miliardi di tagli alla Sanita’ in 3 anni. Secondo Antonini ”dobbiamo uscire dalla logica: o si fanno tagli lineari o si aumentano le imposte. Nel quadriennio 2011-2015, le regioni hanno sostenuto sulla Sanita’ tagli per 22 miliardi. I tagli lineari non permettono la sostenibilita’ del sistema. Occorrono sistemi piu’ evoluti”. Il professore osserva, dunque, che ”noi in Italia abbiamo, mediamente una qualita’ molto alta del servizo sanitario. Siamo al 2* posto nel mondo per qualita’ e all’11* per la spesa. Quindi mediamente un ottimo sistema sanitario. Indubbiamente – riconosce Antonini – la spesa sanitaria in certi momenti e’ aumentata in modo considerevole: se prendiamo i dati dal 1992 al 2008 si e’ passati da 70 miliardi a 110. Questo per vari motivi: l’invecchiamento della popolazione ma anche la trasparenza dei bilanci, che ha fatto emergere il costo reale. In sostanza si e’ alzato il tappeto sotto il quale erano state nascoste contabilita’ poco affidabili”. Il presidente Copaff rileva ”l’anomalia italiana per cui abbiamo il meglio e il peggio del mondo: abbiamo alcune regioni – penso all’Emilia Romagna, alla Toscana, alla Lombardia, al Veneto, ma anche l’Umbria, l’Abruzzo, che ha risistemato molto il suo sistema sanitario – che sono eccellenze mondiali addirittura, che noi esportiamo. Poi, abbiamo altre regioni che rappresentano il peggio del mondo: conti in rosso e servizi in nero, intesa come qualita’ bassissima”, conclude Antonini. com-stt/cam/bra

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su