Header Top
Logo
Domenica 19 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Sociale/Senato: UNHCR, gravi carenze in vari CIE e CARA italiani

colonna Sinistra
Sabato 12 ottobre 2013 - 11:15

Sociale/Senato: UNHCR, gravi carenze in vari CIE e CARA italiani

(ASCA) – Roma, 12 ott – La Commissione per la tutela deidiritti umani ha proseguito l’indagine sui meccanismi ditutela in Italia e nella realta’ internazionale procedendo adaudizioni di He’le’na Behr, senior protection officer, eAndrea De Bonis, protection officer, dell’Alto Commissariatodelle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR) La Behr hadichiarato che, nonostante una serie di interventimigliorativi, permangono nel sistema di protezioneinternazionale italiano alcune criticita’, derivanti inparticolare all’emergenza Nord Africa del 2011, cheriguardano da un lato il livello della prima accoglienza,dall’altro il successivo passaggio dell’integrazione deirifugiati nel tessuto sociale. Dopo aver sostenuto che ”lasituazione di sovraffollamento del centro di Lampedusa e delcentro per richiedenti asilo (CARA) di Mineo comportagravissime carenze nell’accoglienza, ha detto chel’assegnazione della gestione dei centri basata non sustandard qualitativi ma su gare a ribasso ha comportato negliultimi mesi un peggioramento delle condizioni di vitaall’interno dei centri. Ha poi messo in luce la mediaitaliana di domande di protezione presentate e’ di 20.000 conpicchi nel 2008 e nel 2011 di circa 30.000. Nel 2012 sonostate presentate 17.000 domande e da gennaio a giugno 2013 lacifra e’ di 11.000. Di queste in media ne vengono accolte il40-50 per cento. Per dare un’idea delle dimensioni delfenomeno in altri Paesi europei basta pensare – ha aggiunto – che la media delle richieste in Germania e’ di 65.000, e inFrancia di 55.000.Andrea DE BONIS ha precisato che la ciframedia pro capite per gli ospiti del CARA si aggiraattualmente intorno ai 30 euro, ma non sembrano esseresufficienti per un’accoglienza adeguata. Nell’audizione sonointervenuti anche , Maurizio Molina, dell’UNHCR, AlessandraDiodati, della Croce Rossa Italiana, Simona Moscarelli,dell’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni,Carlotta Bellini, di Save the Children e Francesco Rocca,presidente della Croce Rossa Italiana. crp/gc/ss

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su