Header Top
Logo
Domenica 26 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Riforme: Cuperlo, Carta e’ bibbia laica ma seconda parte puo’ cambiare

colonna Sinistra
Sabato 12 ottobre 2013 - 11:30

Riforme: Cuperlo, Carta e’ bibbia laica ma seconda parte puo’ cambiare

(ASCA) – Roma, 12 ott – ”Per formazione e per culturapolitica considero la Costituzione come la bibbia laica delnostro vivere comune. Nella sua prima parte, nei principifondamentali, e’ scolpita non solo la storia nobile cheabbiamo alle spalle, ma la parte migliore di noi, l’orizzonteideale e umano cui tendere ancora e costantemente. Credo chechiunque si professi oggi difensore di quella Carta e dellasua ‘promessa’di civilta’ non possa respingere a prioril’idea che ci siano strade diverse per avvicinarequell’orizzonte.”. Lo ha scritto oggi sull’Unita’ GianniCuperlo, candidato alla segreteria del Pd, in merito allamanifestazione di oggi a Roma in difesa della Costituzione,promossa fra gli altri da Stefano Rodota’ ed il segretariodella Fiom, Maurizio Landini.

Secondo Cuperlo ”e’ importante che la discussione sullariforma dell’ordinamento dello Stato, cioe’ della secondaparte della Costituzione, sia l’occasione di una riflessionecorale e serena su come l’organizzazione delle istituzionipuo’ creare le condizioni migliori per la concretaaffermazione dei principi fondamentali in un tempo nuovo eproiettarne la forza profetica nei decenni che abbiamo difronte. Il cambiamento della parte ordinamentale non puo’essere un tabu’ in un momento in cui il Paese vive una crisidrammatica nella quale anche l’assetto istituzionale hagiocato un ruolo non piccolo nell’allontanare il Paese dallafrontiera della modernita’. Tocca a noi – ha aggiunto – direquali istituzioni e quali poteri servono all’Italia di oggi edi domani”.

”Le polemiche che hanno accompagnato l’iniziativa”Costituzione, la via maestra” fanno doppiamente male. Daun lato perche’ tra gli organizzatori ci sono alcuni tracoloro che ho avuto maestri nella scoperta della bellezza edella luminosita’ di quella Carta, dall’altra perche’ piu’d’ogni altra cosa temo la frattura, l’incomprensione tracoloro che vogliono difenderla. L’unita’ del popolo che amala Costituzione – ha aggiunto Cuperlo – e’ un valore dapreservare ed e’ per questo che penso sia giusto aderire soloa iniziative che rispecchiano questo intento. Credo siaquesto l’unico modo per dare forza a quell’amore e allargarela fede in quei principi e valori, proiettarli nel futuro enella vita quotidiana di milioni di persone, farne ‘sensocomune’ per le nuove generazioni cresciute in una terra dinessuno – questo sono stati gli ultimi venti anni – che devediventare finalmente terra di tutti. Questo e’ il tempo perfarlo”, ha concluso. com-brm/mar/ss

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su