Header Top
Logo
Giovedì 30 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Alitalia: Meta (Pd), cambio passo per garantire occupazione e rilancio

colonna Sinistra
Venerdì 11 ottobre 2013 - 12:35

Alitalia: Meta (Pd), cambio passo per garantire occupazione e rilancio

(ASCA) – Roma, 11 ott – ”La soluzione individuata dalGoverno, per consentire ad Alitalia di non lasciare gli aereisulle piste degli aeroporti, segna un cambio di passosignificativo rispetto all’approccio avuto cinque anni fa conla privatizzazione che vide un clamoroso disimpegno dell’exPremier, il quale si era fatto garante dell’intera operazioneverso i lavoratori. In attesa che il Cda di Alitalia approvil’aumento di Capitale possiamo registrare che, per ora, perl’ex compagnia di bandiera ed i suoi lavoratori sopravvissutia errori strategici come quello del Piano Fenice, che haridimensionato il vettore intercontinentale a compagniaregionale, si allontana lo spettro di un fallimento certo”.

Lo ha affermato il deputato Pd e Presidente della CommissioneTrasporti della Camera, Michele Meta, secondo cui unfallimento ”avrebbe significato un ulteriore disastro dalpunto di vista occupazionale, dopo il dramma dellaprivatizzazione fatta in quel modo e che ha lasciato migliaiadi lavoratori fuori dalla compagnia, per il trasporto aereonazionale e per il principale ed unico Hub italiano ovverol’aeroporto di Fiumicino a Roma”. ”Ora non resta che conoscere nei dettagli le sinergieindustriali del nuovo assetto, che prevede l’ingresso diPoste, e gli scenari sulle alleanze internazionali che vannorafforzate. In Parlamento – ha aggiunto Meta – audiremo neiprossimi giorni Governo, vertici di Alitalia e sindacati perdefinire un percorso che garantisca il rilancio dellacompagnia attraverso il Piano industriale presentato lascorsa estate, che punta al lungo e medio raggio correggendol’impostazione di cinque anni fa che invece, concentrandosisu voli nazionali, ha ridotto il perimetro di Alitaliaproducendo perdite rilevanti per gli azionisti, considerandol’impatto sul mercato della concorrenza dell’alta velocita’ferroviaria”, ha concluso. com-brm/mar/alf

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su