Header Top
Logo
Giovedì 23 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Pensioni: Damiano (Pd), bene Giovannini ma non sufficiente

colonna Sinistra
Martedì 8 ottobre 2013 - 16:53

Pensioni: Damiano (Pd), bene Giovannini ma non sufficiente

(ASCA) – Roma, 8 ott – ”L’audizione con il MinistroGiovannini sul tema delle pensioni ha consentito di farequalche passo avanti, anche se non sufficiente”. Lo affermaCesare Damiano (Pd), presidente della commissione Lavorodella Camera.

”Abbiamo apprezzato il fatto – spiega Damiano – che ilGoverno intenda salvaguardare anche i familiari dei disabilie che verra’ risolto il problema dei lavoratori impegnati ininiziative di alto profilo sociale, come i donatori disangue.

Tutto questo si tradurra’ in un emendamento del Governo, conle relative coperture, che verra’ inserito nella conversionedel decreto legge su Imu, cassa integrazione ed esodati.

Riteniamo inoltre importante che il Ministro abbia confermatoche il ripristino della indicizzazione delle pensioni fino asei volte il minimo, che il Pd aveva conquistato nellaprecedente legislatura, venga confermata e che il bloccoriguardi esclusivamente la fascia superiore a tale soglia”.

”Queste disponibilita’ non sono pero’ sufficienti -prosegue Damiano – se vogliamo apportare significativecorrezioni al sistema pensionistico ed eliminarel’ingiustizia sociale rappresentata dai cosiddetti esodati edall’assenza di gradualita’ nella riforma. Noi continuiamo apensare che la legge Fornero sia recessiva – sottolinea -perche’ crea un’incertezza sul futuro e scoraggia lapropensione al consumo dei redditi medio bassi; che allarghila platea dei nuovi poveri, ovvero di coloro che rimangonoper molti anni senza lavoro, tutele sociali e pensione; cheblocchi l’accesso dei giovani al lavoro, a causa del bruscoinnalzamento dell’eta’ pensionabile a 67 anni”.

”Il Pd continuera’ a battersi – aggiunge Damiano -affinche’ nella legge di Stabilita’ sia definitivamenterisolto il problema dei cosiddetti esodati e venga introdottoun criterio di flessibilita’ nel sistema previdenziale. IlGoverno deve dirci, se il tema delle pensioni e’ tra le suepriorita’ come affermato dal Premier Letta, quanti miliardidi euro intende stanziare per affrontare una questione digrande rilevanza sociale che coinvolge centinaia di migliaiadi famiglie italiane”.

com-ceg/sam/bra

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su