Header Top
Logo
Sabato 18 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Berlusconi: Pdl contesta ‘Severino’, ieri chiedeva ddl anticorruzione

colonna Sinistra
Venerdì 4 ottobre 2013 - 15:53

Berlusconi: Pdl contesta ‘Severino’, ieri chiedeva ddl anticorruzione

(ASCA) – Roma, 4 ott – La Giunta per le elezioni del Senatoe’ riunita per decidere sulla decadenza da senatore di SilvioBerlusconi. Una decadenza, indipendentemente da quello chesara’ il pronunciamento (certo vincolante ma sostanzialmentepolitico) della Giunta, che poggia i suoi effettisull’applicazione della legge Severino. Una norma, che prendeil nome dall’ex Guardasigilli Paola Severino, che fissa, tral’altro, l’incandidabilita’ per coloro che hanno riportatocondanne definitive a pene sopra i due anni di reclusione perdelitti non colposi per i quali sia prevista la reclusionenon inferiore nel massimo a quattro anni. Inoltre, quando unacausa di incandidabilita’ sopraggiunga durante il mandato, siverifica la decadenza che deve essere dichiaratadall’assemblea.

La legge e’ stata votata il 17 ottobre 2012 dal Senato(256 voti a favore, da Pd, Pdl e Udc piu’ Lega Nord) e il 31ottobre dalla Camera con 480 voti favorevoli (con la stessasuddivisione tra partiti del Senato).

Come si vede, il Pdl, che allora sosteneva il governoguidato da Mario Monti, si espresse piu’ o meno compattamente(ci fu qualche astenuto) a favore di questa legge che simuoveva nel solco della legge anticorruzione presentata nel2010, dall’allora ministro della Giustizia Angelino Alfano.

Una legge che aveva fra l’altro al suo interno il capitolodell’incandidabilita’, introducendo le ‘liste pulite’ per iparlamentari. Veniva stabilito che chi ha subito una condannapassata in giudicato per i reati di peculato, malversazione,concussione e corruzione, per 5 anni non puo’ candidarsi allacarica di deputato o senatore. Oggi invece e’ scontro tra Pd e Pdl, con il partito dicentrodestra che chiede l’intervento della CorteCostituzionale per chiarire se la ‘Severino’ sia applicabileretroattivamente o meno. Il Pd, dal canto suo, vede in questarichiesta il tentativo di ritardare la decadenza da senatoredi Silvio Berlusconi. Una decadenza che con la condannadefinitiva nel processo Mediaset arrivera’ in ogni casoquando verra’ definita dalla Corte d’Appello di Milano ladurata della interdizione del Cavaliere dai pubblici uffici.

fdv/vlm

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su