Header Top
Logo
Sabato 25 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Immigrati: Introna (Puglia), inaccettabile indifferenza Ue

colonna Sinistra
Giovedì 3 ottobre 2013 - 16:30

Immigrati: Introna (Puglia), inaccettabile indifferenza Ue

(ASCA) – Roma, 3 ott – ”E’ inaccettabile, una vergognamondiale, che l’Europa assista quasi con indifferenza aquesta ennesima tragedia dell’umanita’ migrante, quasi fossesolo un problema dell’isola, della Sicilia, al piu’dell’Italia e non coinvolgesse l’intera Unionecontinentale”. Un commento durissimo quello del presidentedel Consiglio regionale della Puglia, Onofrio Introna, mentresulle coste mediterranee sta tuttora assumendo numeri semprepiu’ gravi il drammatico episodio che ha visto perireprofughi e immigrati a poche bracciate dalla salvezza.

”Sono sgomento ed esprimo sentimenti di pieta’ e disofferenza per le vittime, per le famiglie.

Come cittadino di una Regione che si e’ distinta per lasolidarieta’ con cui ha sempre accolto chi soffre, mi sentolegittimato a denunciare il silenzio assordante da Bruxellese a pretendere invece l’impegno della comunita’ Europea”.

Nel ricordare che la Conferenza dei parlamenti regionalista lanciando un documento da Assisi, dov’e’ riunita per lecelebrazioni francescane e in sintonia con la posizioneassunta da tutti i presidenti dei Consigli regionali, Intronasollecita con forza una risposta di civilta’, di umanita’ edi fraternita’, da parte dell’Europa.

”Un segnale di presenza e di consapevolezza della portataepocale dei problemi, di cui deve farsi carico con urgenza”,ha detto Introna, secondo cui ”occorre avviare politicheinternazionali con i Paesi del Mediterraneo e l’Ue, con lasua autorevolezza, deve affrontare questa interminabileemergenza, non deve lasciare soli gli italiani, i siciliani,i lampedusani, ad affrontare queste nuove pagina di doloreannunciato, considerate le tensioni dell’area mediorientale,che spingono in tanti verso il nostro continente di pace”.

”Non possiamo restare soli e soprattutto non possiamovedere il nostro mare trasformato in un cimitero, senza chele massime istituzioni continentali assumano laresponsabilita’ di interventi e programmi certi”, haconcluso il presidente.

red/rus

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su