Header Top
Logo
Mercoledì 26 Aprile 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Iva: Misiani (Pd), Berlusconi alla fine e’ riuscito a farla aumentare

colonna Sinistra
Martedì 1 ottobre 2013 - 15:56

Iva: Misiani (Pd), Berlusconi alla fine e’ riuscito a farla aumentare

(ASCA) – Roma, 1 ott – ”C’e’ un solo uomo da ringraziare perl’aumento dell’IVA: Silvio Berlusconi. Le dimissioni di massadei parlamentari del Pdl hanno bloccato qualsiasi interventodel Governo per scongiurare l’aumento dell’imposta”. Loafferma Antonio Misiani parlamentare del Pd e componentecommissione Bilancio.

”Ma questo e’ solo il punto finale di un’opera iniziatanell’estate 2011, quando la sciagurata trattativa per ilrientro dal deficit eccessivo condotta a da Berlusconi eTremonti in ginocchio a Bruxelles porto’ ad una manovralacrime e sangue che prevedeva – con il decreto legge138/2011 – un primo aumento dell’IVA dal 20 al 21 per cento euna clausola di salvaguardia da macelleria sociale, fatta di16 miliardi di tagli alle agevolazioni fiscali e alla spesasociale o, in alternativa, di aumenti delle imposteindirette. Il secondo punto di aumento Iva dal 21% al 22%, fusi’ previsto da Monti nel decreto legge 201/2011, la manovra’salva-Italia’- per poi essere piu’ volte rinviato fino adoggi – ma solo per scongiurare il disastroso piano di taglipromesso alla Commissione europea da Berlusconi e Tremonti.

L’Italia, in definitiva, paga e paghera’ un daziopesantissimo per gli errori e l’irresponsabilita’ di un uomoche oggi sta mandando a picco il Governo (e il Paese) persottrarsi alla condanna definitiva per frode fiscale”,conclude Misiani. com-ceg/cam/bra

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su