Header Top
Logo
Domenica 23 Aprile 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Berlusconi: Schifani-Brunetta a Napolitano, applicare Costituzione

colonna Sinistra
Venerdì 27 settembre 2013 - 09:08

Berlusconi: Schifani-Brunetta a Napolitano, applicare Costituzione

(ASCA) – Roma, 27 set – Renato Brunetta e Renato Schifani,capigruppo Pdl di Camera e Senato, pubblicano una letteraaperta al Capo dello Stato sulla prima pagina del quotidiano’Il Giornale’, in seguito alla presa di posizione di GiorgioNapolitano nei confronti delle annunciate dimissioni in massadei parlamentari del Popolo della Liberta’ e delledichiarazioni del leader Silvio Berlusconi. ”Inaccettabile negazione dello Stato costituzionale didiritto, tale da rendere intollerabile la permanenza in unParlamento che si dimostrasse cosi’ sordo alle ragioni dellalegalita”’: in questo modo Brunetta e Schifani definiscono”il rifiuto” da parte del Pd di ascoltare nella Giunta perle elezioni del Senato ”i dubbi di legittimita”’ dellalegge Severino ”qualora la si voglia applicare a SilvioBerlusconi”. I due capigruppo riferiscono a Napolitano che la riunionedei parlamentari del Pdl, nella quale sono state decise ledimissioni, ”non era finalizzata ne’ ad assumere decisionisul governo del paese, tantomeno, anche per l’evidenteillegittimita’ di simili ipotesi, ad assumere orientamentioperativi sulle decisioni della magistratura o sulleprerogative del Capo dello Stato”. Nemmeno, sostengono,voleva ”istituzionalmente” manifestare ”solidarieta’ alpresidente Berlusconi”. L’oggetto della riunione”riguardava viceversa l’atteggiamento da assumere, ciascunonella propria liberta”’ secondo i dettami costituzionali. ”Nessuno ha voluto interferire con la vita del governo ocon le decisioni del presidente del Consiglio e del Capodello Stato – affermano Brunetta e Schifani -. In gioco e’solo, ma si tratta della questione piu’ importante per deiparlamentari, il rispetto della Costituzione da partedell’organo che rappresenta direttamente la sovranita’nazionale: il Parlamento della Repubblica”. Quindi concludono: ”Desumere ulteriori intenzioni noncorrisponde alle motivazioni dell’iniziativa che e’ e rimanerimessa alla sola libera coscienza di ciascun parlamentare diForza Italia”. sgr/vlm

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su