Header Top
Logo
Martedì 25 Aprile 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Telecom: Brunetta, su vendita azioni Letta venga in Aula e spieghi

colonna Sinistra
Martedì 24 settembre 2013 - 12:24

Telecom: Brunetta, su vendita azioni Letta venga in Aula e spieghi

(ASCA) – Roma, 24 set – ”Sulla vendita di azioni Telco allasocieta’ spagnola Telefonica e sul conseguente nuovo assettodi controllo di una delle imprese chiave per lo sviluppo delnostro Paese, Telecom Italia, serve un quadro dettagliato peresprimere qualsiasi giudizio ma e’ evidente che e’ proprio lamancanza di dettagli e di chiarezza che alimenta lepreoccupazioni. Per questo chiedo al presidente delConsiglio, Enrico Letta, di venire in Aula alla Camera deideputati a illustrare la valutazione e le considerazioni delgoverno su un’operazione che rientra nelle logiche dimercato, e come tale non e’ stata preannunciata, ma coinvolgeda molto vicino tutti gli sforzi e gli investimenti che leimprese e le pubbliche amministrazioni stanno mettendo incampo per affrontare la sfida dell’economia digitale”. Lo haaffermato in una nota il capogruppo Pdl alla Camera, RenatoBrunetta. ”In particolare – ha chiarito – eravamo rimastifermi alle frammentarie e contraddittorie informazioni sulloscorporo della rete fissa, all’ipotesi d’ingresso della CassaDepositi e Prestiti, alla trasformazione di Telecom Italia daazienda nazionale di telecomunicazioni ad attore protagonistadella sfida mondiale dei servizi via internet, allanecessita’ di ingenti investimenti in infrastrutture per lereti di nuova generazione, alle preoccupazionisull’indebitamento e sulle tariffe”. ”Cosa cambiera’ con i due terzi del capitale Telco inmano agli spagnoli? Ci saranno ancora le risorse per gliinvestimenti e per lo sviluppo dei servizi? A che punto e’ ilprogetto di scorporo della rete fissa e quali sono leprospettive del settore in Italia?” Queste, per ilcapogruppo, ”sono solo alcune delle domande alle quali ilpresidente del Consiglio dovra’ rispondere, e mi auguro lofaccia nel piu’ breve tempo possibile e senza perdere divista il fatto che in questi giorni il nostro Paese continuaa cedere pezzi pregiati a imprese straniere e fatica ainvestire su stesso. Se continuiamo cosi’ ci resteranno solole scorie di quello che era ed e’ ancora un grande sistemaindustriale”. com-brm/cam/ss

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su