Header Top
Logo
Domenica 25 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Giustizia: Palma (Pdl), Sabelli non pianga lacrime di coccodrillo

colonna Sinistra
Sabato 21 settembre 2013 - 15:24

Giustizia: Palma (Pdl), Sabelli non pianga lacrime di coccodrillo

(ASCA) – Roma, 21 set – Alcuni comportamenti dei magistrati”per il danno che creano all’immagine e al prestigio dellamagistratura, devono trovare una loro legittima punizioneovvero, per il futuro, qualunque saranno le dichiarazioni deimagistrati, anche le piu’ prive di misura ed equilibrio,nessuno pianga lacrime di coccodrillo e scelga la strada diun dignitoso silenzio”. Lo afferma in una nota NittoFrancesco Palma, Presidente Commissione Giustizia del Senatoe Coordinatore regionale Pdl Campania. ”Il presidente Sabelli – spiega Palma – ribadisce la suacontrarieta’ all’art.1 del mio disegno di legge, approvato incommissione giustizia, con il quale si prevede una sanzionedisciplinare a carico dei magistrati che, contrariamente aquanto deliberato dal CSM e a quanto sancito dalla CorteCostituzionale, rendano dichiarazioni ai mass media prive dimisura ed equilibrio, tali da compromettere la terzieta’affermata dall’articolo. 111 della Costituzione. Unacontrarieta’ giustificata dalla possibilita’ di interventipunitivi e di compressione della liberta’ di espressione deimagistrati. Orbene – continua l’ex ministro – ma e’ vero onon e’ vero che e’ il Procuratore Generale della Cassazione,cioe’ un magistrato, a decidere se richiedere il rinvio agiudizio disciplinare del magistrato, anche nei casi in cuie’ il Ministro della Giustizia ad esercitare l’azionedisciplinare? Ed e’ vero o non e’ vero che e’ la sezionedisciplinare del CSM, costituita in prevalenza da magistrati,a pronunciarsi nel procedimento disciplinare promosso neiconfronti del magistrato? E non ritiene il presidente Sabelliche tale sistema sia piu’ che sufficiente a garantire ilmagistrato da qualsivoglia strumentale intendimento punitivo?E, se la questione fosse priva di rilievo, perche’ ilpresidente Sabelli ha duramente stigmatizzato le esternazionidel dr. Ingroia e del dr. Esposito? E perche’ ledichiarazioni del dr. Esposito sono state considerateassolutamente inopportune dal Presidente della Corte diCassazione, dr. Santacroce? E perche’ a seguito di talidichiarazioni sono partiti gli accertamenti da parte delProcuratore Generale della Cassazione e del Ministro dellaGiustizia? E la disposizione allegata a sospetto dalPresidente Sabelli non e’ simile a quella prevista dall’art.

6, comma 3, del codice deontologico dell’ANM?”.

com-fdv

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su