Header Top
Logo
Mercoledì 22 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Crisi: Capezzone, se accettiamo diktat silenziosi Ue altra recessione

colonna Sinistra
Sabato 14 settembre 2013 - 15:48

Crisi: Capezzone, se accettiamo diktat silenziosi Ue altra recessione

(ASCA) – Roma, 14 set – ”Se accettiamo i diktat silenziosi(e, ad essere eufemistici, a-democratici) dell’Ue, l’unicorisultato certo sara’ il protrarsi di una recessione nellaquale gia’ ci dibattiamo da 8 trimestri. La spia del maleitaliano e’ rappresentata dal crollo dei consumi e delladomanda interna: l’unico modo per invertire la rotta e’ unochoc fiscale positivo, che lasci piu’ soldi alla famiglie, ailavoratori e alle imprese, riattivando un circuito difiducia”. Lo afferma Daniele Capezzone, presidente dellacommissione Finanze della Camera e Coordinatore deidipartimenti del Pdl.

”A questo forte taglio di tasse deve accompagnarsi unaltrettanto forte taglio di spese, senza alcun dubbio. Quelloche pero’ non possiamo permetterci e’ subire unainterpretazione rigida di parametri gia’ di per se’ rigidi ediscutibili, senza alcuna attenzione al necessario rilancio ealle indispensabili politiche di alleggerimento fiscale”,conclude Capezzone.

com-ceg/vlm/bra

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su