Header Top
Logo
Giovedì 23 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Terremoto/E.Romagna: Errani a Letta, fatto tanto. Ma resta molto lavoro

colonna Sinistra
Venerdì 13 settembre 2013 - 20:06

Terremoto/E.Romagna: Errani a Letta, fatto tanto. Ma resta molto lavoro

(ASCA) – Roma, 13 set – Per la ricostruzione delle areeterremotate dell’Emilia ”molto e’ stato fatto. Ma ci attendeancora molto lavoro e ci sono questioni importanti daaffrontare insieme”. Lo scrive – informa una nota – ilpresidente della regione Emilia-Romagna e commissariodelegato alla ricostruzione, Vasco Errani, in una letterainviata al presidente del Consiglio, Letta, ed aiparlamentari emiliano-romagnoli.

In due distinte missive il commissario Errani -ripercorrendo e mettendo in valore quanto fatto fino ad oggi,grazie alla forte collaborazione istituzionale – mette infila le questioni gia’ in itinere, ma ancora da chiudere perdare un ulteriore impulso alla ricostruzione, e quelle daintrodurre ex-novo.

Tra le prime, ad esempio Errani cita il superamento delvincolo di residenza anagrafica per l’accesso ai contributi,l’autorizzazione al pagamento della differenza degliinteressi sui mutui sospesi alle famiglie, la necessita’ divarare il decreto per l’impiego dei fondi Inail 2013 per lasicurezza sismica e l’inclusione, fra i beneficiari, degliimprenditori a titolo individuale e degli imprenditoriagricoli.

Altro tema affrontato dal commissario Errani sono lequestioni che occorre invece affrontare ex novo peraccelerare e migliorare le misure per la ricostruzione.

Tra queste, ad esempio, la richiesta che – nei casi didemolizione con delocalizzazione totale o parziale degliedifici decisa dai Comuni – venga concessa la facolta’ diattribuire i contributi pubblici anche per l’acquisto dialloggi esistenti, e sia possibile riconoscere ai beneficiariil contributo congruo all’intervento di ricostruzione oacquisto.

Sul versante imprese, si chiede inoltre di estenderel’impiego dei 6 miliardi previsti dalla legge 135/2012 anchealle spese di delocalizzazione e rientro nelle sedioriginarie sostenute dalle aziende per garantire lacontinuita’ della produzione e dell’occupazione e per ilripristino delle scorte.

Altro tema affrontato nella lettera di Errani a Letta e aiparlamentari emiliano-romagnoli e’ la richiesta di estenderela detrazione al 65% per le spese per il consolidamentoantisismico anche ai comuni dell’Emilia colpiti dal sisma delmaggio 2012, che il decreto ”ecobonus” prevede solo per icomuni compresi nelle zone a rischio sismico classificati 1 e2.

com-stt/sam/

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su