Header Top
Logo
Domenica 30 Aprile 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Giustizia: Campania, ok referendum abrogativo soppressione tribunali

colonna Sinistra
Giovedì 12 settembre 2013 - 13:48

Giustizia: Campania, ok referendum abrogativo soppressione tribunali

(ASCA) – Napoli, 12 set – Si’ unanime della prima Commissioneconsiliare permanente alla proposta di legge al Parlamentodella Repubblica per la modifica dei criteri di revisione digeografia giudiziaria definiti dalla Legge 148/2011.

Unanimita’ anche alla proposta di delibera consiliare perpromuovere referendum abrogativo, insieme con altri Consigliregionali, della stessa normativa che ha soppresso 30tribunali e relative procure, 220 sezioni distaccate e 667uffici del giudice di pace. Presieduta da Angelo Polverino(PdL), la Commissione ha avviato i lavori con l’introduzioneai provvedimenti da parte del primo firmatario, Donato Pica(Pd).

L’esponente dei democratici ha sottolineato che ”laCampania ha subito un grave ridimensionamento delle strutturegiudiziarie” richiamando il caso eclatante dell’accorpamentodei tribunali di Sala Consilina e Lagonegro contro il qualeieri sono scesi in piazza gli avvocati. Il presidentePolverino pur condividendo la necessita’ di razionalizzare lespese e, piu’ in generale, l’organizzazione della giustizia,ha rilevato che ”la rivisitazione della geografiagiudiziaria non puo’ non tenere conto di alcuni criterifondamentali che siano rispettosi delle caratteristiche delterritorio e delle esigenze delle popolazioni”. Ai lavori della Commissione hanno preso parte, oltre alpresidente Polverino, i consiglieri Donato Pica (Pd),Gianfranco Valiante (Pd), Gennaro Oliviero (Pse), Anita Sala(Centro Democratico), e Carlo Aveta (La Destra). La proposta di legge, su iniziativa dei consiglieri del PdDonato Pica, Giuseppe Russo, Lucia Esposito (la quale hasostituito per un periodo il consigliere Enrico Fabozzi),Rosa D’Amelio e Umberto Del Basso Caro (oggi Senatore),applica, per la prima volta, l’art. 26 del nuovo Statutodella Regione Campania, che prevede la possibilita’ per ilConsiglio regionale di presentare proposte di legge, anchecostituzionale, alle Camere, e tende a garantire che, tra icriteri di revisione della geografia giudiziaria, abbianopriorita’ la salvaguardia del presidio territoriale delloStato, tenuto conto delle caratteristiche geomorfologiche delterritorio, della carenza di collegamenti stradali eferroviari all’interno delle circoscrizioni di riferimento edel tasso di criminalita’ organizzata.

La proposta di delibera consiliare, ad iniziativa deiconsiglieri Donato Pica (Pd), Dario Barbirotti (CentroDemocratico), Giuseppe Maisto (Caldoro Presidente), GennaroMucciolo (Pse), Gianfranco Valiante (Pd), Rosa D’Amelio (Pd),Pietro Foglia (Udc), Ettore Zecchino (Caldoro Presidente),Antonio Valiante (Pd) e Giovanni Baldi (PdL), in attuazionedell’art. 75 della Costituzione, per il quale almeno cinqueConsigli regionali possono richiedere referendum abrogativo,punta ad eliminare la legge che ha disposto il taglio deitribunali, ritenuto gravemente penalizzante per il dirittoall’accesso alla giustizia dei cittadini campani ed incontrasto con il principio di prossimita’ dei Tribunalifissato dal Trattato di Lisbona. dqu/lus

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su