Header Top
Logo
Venerdì 24 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Consulta: M5S contro nomina Amato, ”vergogna, inondiamo Colle di mail”

colonna Sinistra
Giovedì 12 settembre 2013 - 13:42

Consulta: M5S contro nomina Amato, ”vergogna, inondiamo Colle di mail”

(ASCA) – Roma, 12 set – A lanciare su Twitter l’hashtag#amatoacasa e’ stato il deputato del Movimento 5 StelleAlessandro Di Battista, subito dopo la nomina di GiulianoAmato, da parte del Capo dello Stato, Giorgio Napolitano, agiudice della Corte Costituzionale. ”Evidentemente vogliono farci vergognare di essereitaliani, ma non ci riusciranno mai!”, scrive Di Battista.

In pochi minuti sui social network impazzano i commenti e ladeputata M5S Giulia Grillo invita il ”popolo del web” ainondare ”di mail di protesta il Quirinale per questoscempio”, segnalando l’indirizzo di posta elettronica.

Su twitter e Facebook, un altro deputato 5 stelle,Riccardo Fraccaro, scrive: ”Giorgio Napolitano ha nominatoGiuliano Amato, ex tesoriere di Craxi e pensionato d’oro,giudice della Corte costituzionale. Ad insaputa dellaCostituzione”.

Per Roberto Fico, presidente dlla commissione diVigilanza, ”non si smentiscono mai, proprio non ci riescono.

Mai avrei pensato di vedere un giorno Giuliano Amato nominatogiudice della Corte Costituzionale. Non c’e’ bisogno neanchedi dire cosa abbia o non abbia fatto nella sua lunga carrierapolitica. E’ sufficiente ripetere il nome per rendersi contodell’assurdita’ e della non opportunita’ di tale scelta. IlPaese continua ad essere in balia dei soliti noti – aggiungeFico -, esponenti di un mondo e di una mentalita’ che non ciappartengono piu’. L’Italia non puo’ essere condannata adessere schiava di questi personaggi. E’ ora di cambiarerotta. E noi la cambieremo”.

Ironica la senatrice Paola Taverna: ”Ma che bellanotizia… Il presidente del Senato Grasso ci comunica cheGiuliano Amato e’ il nuovo membro della Cortecostituzionale.

Il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, hanominato l’ex premier giudice della Consulta in sostituzionedi Franco Gallo che cessa dalle funzioni di giudice e dipresidente della Corte il prossimo 16 settembre. Tutta gentenuova eh? Forse non gli bastava la pensione”, concludeTaverna.

ceg/vlm

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su