Header Top
Logo
Giovedì 29 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Smog: Veneto, bene coordinamento regioni bacino padano voluto da Orlando

colonna Sinistra
Giovedì 5 settembre 2013 - 15:00

Smog: Veneto, bene coordinamento regioni bacino padano voluto da Orlando

(ASCA) – Venezia, 5 set – ”Le azioni messe in campo inquesti due anni dalle regioni del bacino padano control’inquinamento atmosferico, che hanno fatto emergeresoprattutto la necessita’ di rivedere le norme europee chenon tengono nella dovuta considerazione le peculiarita’ diquesto territorio, richiedono comunque la partecipazione diun soggetto principale: lo Stato. Ora finalmente il ministerodell’Ambiente ha assicurato la sua disponibilita’ a fare dacoordinamento, insieme alle regioni”.

E’ quanto sottolinea in una nota l’assessore all’Ambientedel Veneto, Maurizio Conte, commentando positivamente l’esitodell’incontro svoltosi ieri a Milano su questo tema tra tuttele regioni e le province autonome del bacino padano e ilministro dell’Ambiente, Andrea Orlando.

”Un impegno importante – riconosce Conte – che da un latoriconosce l’attivita’ fin qui portata avanti dalle regioni,dall’altro deve servire a risolvere le difficolta’ che puo’creare il procedimento d’infrazione contro l’Italia apertodalla Commissione europea, cercando di far comprendere agliorganismo europei che le caratteristiche meteoclimatiche,morfologiche e viarie dell’area padana hanno bisogno di tempipiu’ lunghi per adeguarsi ai parametri richiesti”.

L’incontro di ieri ha previsto la stesura di un piano chericonosca le peculiarita’ del bacino padano. ”Unapianificazione – rileva il rappresentante del Veneto – cheparta dalle oltre quaranta azioni, normative e operative,gia’ individuate dalle regione. L’importante e’ coordinarle el’accordo di programma che andremo a firmare con il ministeroindichera’ proprio il percorso che insieme dobbiamo fare,sancendo la volonta’ comune di arrivare agli obiettiviprefissati”. Conte riferisce inoltre della proposta avanzata dalleregioni di reperire le risorse per contrastare l’inquinamento”valutando la possibilita’ di imporre un ticket per iltraffico di passaggio, come e’ gia’ stato fatto in altripaesi europei.

Nel corso dell’incontro, infine, e’ stata evidenziataanche la necessita’ che ci sia una stretta relazione tra lapianificazione per la tutela dell’aria e quella energetica.

red-stt/sam/rl

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su