Header Top
Logo
Sabato 24 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Carceri: Pannella da Letta, ”situazione tecnicamente nazista”

colonna Sinistra
Mercoledì 4 settembre 2013 - 10:28

Carceri: Pannella da Letta, ”situazione tecnicamente nazista”

(ASCA) – Roma, 4 set – ”Sono stato ricevuto dal presidentedel consiglio Enrico Letta, lo ringrazio, come ho ringraziatoqualche giorno fa il Presidente della Repubblica, per avermiconcesso udienza in termini quasi immediati”. Lo ha dettoMarco Pannella a Radio Radicale, lasciando Palazzo Chigi.

”Ho parlato a loro esattamente della sintesi possibile diquello che da lustri – aggiunge Pannella – ma anche da 5mesi, 5 settimane o 5 giorni, quotidianamente dico a RadioRadicale e siccome lo dico a Radio Radicale non deve essereripreso o trasmesso perche’ il popolo possa conoscere quelloche dico e giudicarlo: questa e’ una situazione tecnicamentenazista”.

”Noi abbiamo negli ultimi dieci anni almeno un milione dicarcerati – ha spiegato Pannella – intendendo per carcerati idetenuti, la polizia penitenziaria, i direttori, i volontari,in quello che nessuno contesta essere i 206 luoghi (lecarceri, n.d.r.) strutturalmente di tortura. Ma come neitempi nazisti e fascisti, e comunisti ancora di piu’, se lecose riguardano una persona puo’ fare scandalo, mentre seriguardano una generazione o milioni di famiglie allora aquella cosa ci si abitua”. Il leader radicale prosegue: ”La vicenda Cucchi e’ andatamale, contro la verita’, ma questo accade tutti i giorni. Undetenuto, uno, in un paese civile dovrebbe fare si’ che tuttoil mondo dei credenti in altro che nel semplice potere e neisemplici averi ne dovrebbe fare un caso di scandalo. E invecesiccome avvengono ormai in totale per milioni e milioni difamiglie italiane, e’ semplicemente qualcosa che e’ normale,come il fatto che ci sia un po’ di grandine o un po’ di acquanei ruscelli perche’ viviamo nell’Italia in cui dell’acquadei ruscelli abbiamo molto speso allagato il territorioitaliano con morti e distruzione”. ”Siamo stati venti minuti insieme – dice Pannella del suoincontro con Letta – lui stava partendo ed ha ritardato lapartenza, ho lasciato vedere se la parola riesce ad esseretale e non chiacchiere e spero che nel viaggio che sta peraffrontare cio’ maturi. Adesso vado a fare le analisi delsangue e delle urine”, ha concluso Pannella che dal 17agosto sta portando avanti a piu’ riprese una iniziativa nonviolenta di digiuno (della fame e della sete) per ilripristino della legalita’ in Italia.

com-sgr/vlm

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su