Header Top
Logo
Lunedì 26 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Riforme: Quagliariello,obiettivo 100mila risposte consultazione pubblica

colonna Sinistra
Lunedì 2 settembre 2013 - 13:33

Riforme: Quagliariello,obiettivo 100mila risposte consultazione pubblica

(ASCA) – Roma, 2 set – ”Le consultazioni pubblichemigliorano la democrazia nel nostro Paese”. GaetanoQuagliariello presenta cosi’, presso la Sala monumentaledella Presidenza del Consiglio, la terza fase dellaConsultazione pubblica sulle Riforme costituzionali, quelladella ‘discussione’. Durante l’evento sono stati presentati alcuni datiintermedi della consultazione: 50.000 questionari completatidall’8 luglio, attraverso le 8 domande del questionario brevee le 14 o piu’ domande del questionario di approfondimento e1 milione di pagine visualizzate su www.partecipa.gov.it. Adora, hanno partecipato cittadini di ogni fascia di eta’, conequa distribuzione tra i 18 e gli 68 anni. Il 42% possiedealmeno un diploma di istruzione secondaria superiore, e il50% almeno un diploma di laurea o titolo superiore; diversele professioni rappresentate: il 24% dei partecipanti e’impiegato, l’11% studente, un altro 11% libero professionistae il 9% e’ pensionato.

L’obiettivo ”e’ quello di superare, entro l’8 ottobre, i100mila questionari compilati”, spiega il ministro delleRiforme, ”cosi’ da realizzare la consultazione pubblica piu’elevata in Europa. Siamo qui per sottolineare l’importanzadelle riforme istituzionali. Quando lo Stato fa squadra siriesce ad essere un passo in avanti”.

Durante l’incontro di oggi e’ stato presentato inanteprima lo spot ‘Dai voce al tuo pensiero!’, realizzato incollaborazione col Dipartimento per l’Editoria, e la campagnadi comunicazione sui media che partira’ da domani.

Per quanto riguarda la ‘terza fase’ di consultazione, dameta’ settembre oltre ai due questionari online partira’ lafase di ‘Discussione Pubblica’. Sara’ avviato un dibattitoattraverso incontri sui temi oggetto di riforma.

L’ex ministro Francesco Profumo ha spiegato il ruolo delComitato Scientifico della consultazione, da lui presieduto ecomposto anche da ISTAT e Fondazione AHREF, ponendo l’enfasisul grande lavoro di monitoraggio, in itinere ed ex post, didiverse variabili di partecipazione in aggiunta alle rispostedel questionario.

ceg/vlm

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su