Header Top
Logo
Lunedì 24 Aprile 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Lavoro: Brunetta a Franceschini, no reddito cittadinanza Pdl si battera’

colonna Sinistra
Lunedì 2 settembre 2013 - 20:44

Lavoro: Brunetta a Franceschini, no reddito cittadinanza Pdl si battera’

(ASCA) – Roma, 2 set – ”Al ministro per i Rapporti con ilParlamento, Dario Franceschini, ci permettiamo di ricordareche una cosa e’ parlare di indennita’ di disoccupazione, cheriguarda appunto i disoccupati, cioe’ coloro che un lavoro cel’avevano, l’hanno perso e per la tutela dei quali intervienelo Stato con ammortizzatori sociali, uno strumento gia’ moltoutilizzato nel nostro paese, anche se da migliorare. Altracosa invece e’ parlare di reddito di cittadinanza o redditodi inclusione, che riguarda gli inoccupati, vale a dire chinon ha mai lavorato, a prescindere dal fatto che stiacercando o meno, attivamente, un’occupazione”. Lo afferma ilpresdietne dei deputati del Pdl , Renato Brunetta.

”Un’altra cosa ancora – aggiunge – e’ riproporre lasocial card, che non prefigura diritti soggettivi e che, percome e’ stata disegnata, nelle esperienze passate hadimostrato di funzionare in maniera efficace ed efficientenella lotta alla poverta’. Nessuna creazione, dunque, didiritti soggettivi in capo ai cittadini, con conseguentespesa obbligatoria e costi insostenibili per le finanzepubbliche, come avviene invece nel caso del reddito dicittadinanza, o di inclusione che dir si voglia, da dare atutti, a prescindere, alterando il normale funzionamento delmercato del lavoro e distruggendo capitale umano. Confonderei piani non solo e’ un errore, ma rischia di produrredisastri, sia sociali sia di bilancio”.

”Non me ne voglia l’amico Franceschini per questaprecisazione, ma sono convinto che converra’ con me che nelnostro paese la priorita’ in questo momento e’ il lavoro:creare incentivi alla buona occupazione, avere buoniammortizzatori sociali – conclude Brunetta -. La priorita’non puo’ essere certo il dare soldi a chi non vuol ne’lavorare, ne’ studiare, ne’ cercare attivamenteun’occupazione o impegnarsi attivamente in una qualificaprofessionale. In questo la mia parte politica non solodifferisce dalla sinistra estrema, ma, consapevole dirappresentare la maggioranza del paese, si battera’ congrande determinazione e trasparenza”.

com-njb

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su