Header Top
Logo
Mercoledì 22 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Cig: Regione Toscana, prima risposta ma insufficiente

colonna Sinistra
Giovedì 29 agosto 2013 - 11:16

Cig: Regione Toscana, prima risposta ma insufficiente

(ASCA) – Firenze, 29 ago – ”La decisione del Consiglio deiministri di destinare 500 milioni agli ammortizzatori inderoga rappresenta una prima significativa risposta aldisagio che vivono decine di migliaia di lavoratori che dasettimane, in molte regioni del nostro paese, attendono diricevere le loro indennita’. E’ una prima risposta, ma e’insufficiente”.

Cosi’ l’assessore regionale toscano alle attivita’produttive, lavoro e formazione Gianfranco Simonciniesordisce commentando uno degli interventi sul lavoro che ilministro Enrico Giovannini ha presentato ieri sera.

”Con questi 500 milioni infatti – prosegue Simoncini – nonsolo non riusciremo a coprire tutto l’anno ma, in molteregioni, non potremo soddisfare neppure le richieste gia’pervenute in queste settimane”.

Ad oggi in Toscana restano prive di copertura finanziaria7.115 richieste di Cig che coinvolgono 20.646 lavoratori(prevalentemente per proroghe di periodi gia’ autorizzati) edun costo relativo di quasi 87 milioni di euro. Ad esse siaggiungono le richieste di mobilita’ in deroga checoinvolgono 290 lavoratori ed un costo relativo di circa 3milioni di euro.

”Da questi dati – sottolinea l’assessore -, ricordando concon nell’ultima ripartizione di circa 550 milioni allaToscana arrivarono 36 milioni, emerge chiara la sproporzionetra il fabbisogno e quanto appena deciso dal Consiglio deiministri.

L’auspicio che formulo e’ che gia’ in sede di conversione inlegge del Decreto, il Parlamento possa trovare ulterioririsorse in grado di coprire tutto il fabbisogno per il 2013.

Se cio’ non accadesse, la richiesta che avanzo al Governo finda  ora e’ che quando sara’ affrontato il tema dellacopertura della seconda rata dell’Imu siano trovate lerisorse per gli ammortizzatori in deroga fino alla finedell’anno, garantendo ai lavoratori le proprie indennita”’.

afe/rus

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su