Header Top
Logo
Giovedì 23 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Governo: Damiano, priorita’ risposte concrete ad emergenze economiche

colonna Sinistra
Sabato 24 agosto 2013 - 17:39

Governo: Damiano, priorita’ risposte concrete ad emergenze economiche

(ASCA) – Roma, 24 ago – ”I ‘falchi’ del centrodestra hannoportato il Pdl in un vicolo cieco. Vogliono un salvacondottoper Berlusconi, minacciano in caso contrario di far cadere ilgoverno, sono indifferenti ai problemi reali del paese ehanno fatto dell’Imu una bandiera elettorale chiedendonel’abolizione totale, anche per i piu’ ricchi. Nessuno diquesti obiettivi verra’ raggiunto nonostante gli strepiti dialcuni pasdaran”. Lo ha affermato in una nota CesareDamiano, esponente del Pd e presidente della CommissioneLavoro di Montecitorio. Secondo Damiano ”il Pd deve andare avedere le carte di questo bluff, non temere alcun ricatto efar emergere con chiarezza le sue priorita’ per dare risposteconcrete alle emergenze economiche e sociali. Anche noi – haaggiunto – abbiamo precise richieste da avanzare a EnricoLetta al fine di valutare l’efficacia e la positivita’dell’azione di governo: chiediamo che venga approvato ilDecreto del ministro D’Alia per stabilizzare i precari dellaPubblica Amministrazione e per assumere i vincitori e gliidonei di concorso, senza rifare nuovi concorsi per le stesseposizioni professionali; che venga rifinanziata la cassaintegrazione in deroga; che venga corretta la riforma dellepensioni targata Fornero per risolvere il problema deicosiddetti esodati, dell ‘uscita flessibile a partire dai 62anni di eta’ con 35 anni di contributi e una penalizzazionedell’8% e per far ritornare gratuite le ricongiunzionipensionistiche; infine, che venga diminuita la pressionefiscale sulle imprese e sul lavoro”. ”Vorremmo sapere se ilcentrodestra considera questi argomenti degni di essere presiin considerazione – ha concluso Damiano – oppure passibili diessere sacrificati per togliere la tassa sulla prima casaanche a chi detiene redditi altissimi. Sprecare due miliardidi euro per un obiettivo socialmente iniquo significherebbeanche sottrarre risorse fondamentali a chi e’ rimasto senzareddito e fatica ad arrivare alla fine del mese”.

com-brm/sam/ss

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su