Header Top
Logo
Lunedì 24 Luglio 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Governo: Damiano, no temi serie A e B, individuare subito priorita’

colonna Sinistra
Mercoledì 21 agosto 2013 - 19:48

Governo: Damiano, no temi serie A e B, individuare subito priorita’

(ASCA) – Roma, 21 ago – ”Ci auguriamo che prima del prossimoConsiglio dei Ministri il governo convochi una cabina diregia per individuare le priorita’ di medio periodo. Non e’possibile proporre la politica dei due tempi quando si trattadi affrontare le emergenze sociali rimandandone le soluzionialla legge di Stabilita’, mentre per l’IMU il centrodestrapretenderebbe tutto e subito: in una coalizione di governocomposita come l’attuale non possono esserci temi di serie Ae di serie B”. Lo sostiene in una nota il presidente dellacommissione Lavoro della Camera, Cesare Damiano. ”Sarebbe opportuno – prosegue Damiano – che ilrifinanziamento della cassa integrazione in deroga fosse laprima misura che si decide. E importante che il ministroGiovannini si stia occupando di pensioni: vogliamoricordargli che la riforma Fornero deve essere corretta sutre punti. Quello dei cosiddetti esodati, che va risolto allaradice evitando di individuare nuovi numeri o nuovicontingenti di lavoratori da salvaguardare, ma fissando icriteri che danno diritto ad accedere alle vecchie regole delsistema pensionistico. Non ci convince la quantificazione delministro secondo il quale il problema si risolverebbesalvaguardando altri 20.000 lavoratori”. E ancora: ”Il secondo punto e’ relativo all’introduzionedi un criterio di flessibilita’ nel sistema previdenziale: lanostra proposta e’ di consentire ai lavoratori di andare inquiescenza in un’eta’ compresa tra i 62 e i 70 anni, con unmassimo di penalizzazione dell’8%. Proponiamo inoltre diconsentire di poter andare in pensione con 41 anni dicontributi, senza penalizzazioni e indipendentementedall’eta’ anagrafica. Si tratta di una misura ad hoc per chiha cominciato a lavorare in giovane eta’ e ha svolto lavorimanuali e usuranti per tutta la vita”. ”Il terzo tema – elenca l’esponente del Pd – e’ quellodelle ricongiunzioni: si deve correggere un errore compiutodal governo Berlusconi che costringe molti lavoratori apagare due volte i contributi per avere una pensioneunificata. Questi interventi non possono essere realizzati acosto zero: il governo dovra’ stanziare apposite risorse.

Damiano conclude che ”risparmi si possono ricavare dallecosiddette pensioni d’oro, attraverso un diverso calcolo delloro rendimento o attraverso un congelamento strutturaledelle loro indicizzazioni”, aggiungendo: ”risparmi che siricavano dal sistema previdenziale non possono piu’ essereutilizzati per diminuire il debito, su questo siamocompletamente d’accordo con Giovannini: abbiamo gia’ dato.

Questi risparmi potrebbero essere redistribuiti, ad esempio,per contribuire a innalzare le pensioni piu’ basse”.

com/sgr/sam/

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su