Header Top
Logo
Martedì 27 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Governo: Damiano (Pd), urgente lavoro su legge Fornero, no tema serie B

colonna Sinistra
Martedì 20 agosto 2013 - 20:13

Governo: Damiano (Pd), urgente lavoro su legge Fornero, no tema serie B

(ASCA) – Roma, 20 ago – ”E’ importante che il ministroGiovannini stia lavorando sulla cassa integrazione in derogae sulle pensioni. Abbiamo piu’ volte ribadito l’urgenza dirisolvere questi problemi perche’ il paese reale non puo’attendere”. Lo scrive in una nota Cesare Damiano (Pd), presidentedella commissione Lavoro della Camera, sottolineando checorreggere tre punti della riforma Fornero non e’ un temasecondario rispetto ad altri sul tavolo.

”Non e’ possibile – scrive Damiano – proporre la politicadei due tempi solo quando si parla di emergenze socialirimandandone le soluzioni alla legge di Stabilita’, mentreper l’Imu il centrodestra pretende tutto e subito: per noinon ci sono temi di serie A e di serie B”.

Il deputato democratico sottolinea, dunque, che ”sullepensioni vogliamo ricordare al ministro che la riformaFornero deve essere corretta su tre punti: su quello deicosiddetti esodati, che va risolto alla radice evitando diindividuare nuovi numeri o nuovi contingenti di lavoratori dasalvaguardare, ma fissando i criteri che danno diritto adaccedere alle vecchie regole del sistema pensionistico. Ilsecondo punto – afferma Damiano – e’ relativoall’introduzione di un criterio di flessibilita’ nel sistemaprevidenziale: la nostra proposta e’ di consentire ailavoratori di andare in quiescenza a partire dai 62 anni conun massimo di penalizzazione dell’8% e di fissare in 41 annidi contributi il criterio per andare in pensione senzapenalizzazioni, indipendentemente dall’eta’ anagrafica. Ilterzo tema e’ quello delle ricongiunzioni che deve correggereun errore compiuto dal governo Berlusconi che costringe moltilavoratori a pagare due volte i contributi per avere unapensione unificata”. Damiano evidenzia che ”questi interventi non possonoessere realizzati a costo zero: il governo dovra’ stanziareapposite risorse. Risparmi si possono ricavare dallecosiddette pensioni d’oro, attraverso un diverso calcolo delloro rendimento o attraverso un congelamento strutturaledelle loro indicizzazioni. I risparmi che si ricavano dalsistema previdenziale non possono piu’ essere utilizzati perdiminuire il debito, ma possono essere ridistribuiti, adesempio, per innalzare l’assegno delle pensioni piu’ basse”conclude il presidente della commissione Lavoro alla Camera.

com-stt/mau

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su