Header Top
Logo
Sabato 25 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Immigrati: Sbai (Pdl), da Kyenge nessuna iniziativa per cittadinanza

colonna Sinistra
Lunedì 19 agosto 2013 - 13:46

Immigrati: Sbai (Pdl), da Kyenge nessuna iniziativa per cittadinanza

(ASCA) – Roma, 19 ago – ”Dopo otto mesi dalla creazione delMinistero dell’Integrazione con a capo Cecile Kyenge nonabbiamo assistito a nessuna iniziativa o proposta di leggerivolte a risolvere l’attuale situazione degli immigrati inItalia”. E’ quanto afferma Souad Sbai, deputata Pdl.

”Stiamo assistendo, da molti mesi, alla totaleinattivita’ di tale Ministero; Ce’cile Kyenge non ha fattoniente, non ha incontrato comunita’ straniere o immigrati;non ha proposto nulla di concreto – prosegue Souad Sbai -anzi, ha portato molta confusione, pubblicita’ mediatica eideologica, senza interessarsi alla gestione delledifficolta’ e dei problemi degli immigrati”. ”Attualmente sono 3 milioni i residenti in Italia noncomunitari; 1 milione sono i bambini stranieri, di cui 650mila nati sul suolo italiano. Attraverso lo ius soli ibambini nati in Italia prenderanno la cittadinanza edautomaticamente, essa sara’ concessa ai due genitori e aiquattro nonni (stiamo parlando dunque di 7 persone intotale)”, ha aggiunto Souad Sbai. ”Quattro milioni e mezzo di persone – ha continuato ildeputato Pdl – che prendono la cittadinanza italiana subito,la maggior parte di essi pur non vivendo nel nostro paese.

Gia’ il primo anno, con i 650 mila nati in Italia, i nuoviitaliani saranno automaticamente 4.550.000, con un incrementodella popolazione italiana dell’8%: questo significa che ilservizio pensionistico italiano, dovra’ versare per quattropersone (i nonni di ogni bambino straniero nato in Italia),2.600.000 pensioni di piu’, con oltre 7,8 miliardi di euro(ogni mese) a persone che quasi sicuramente, rimarranno nelloro paese di origine senza mai venire in Italia. A questobisogna aggiungere l’affollamento del servizio sanitario el’incremento dei nuovi invalidi civili”.

”Per questo – ha concluso Souad Sbai – siamo convinti chenon serva un Ministero dell’Integrazione ma che ci sia lanecessita’ di un Ministero dell’Immigrazione che lavori peraiutare concretamente gli immigrati”.

com-ceg/mau

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su