Header Top
Logo
Mercoledì 22 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Legge elettorale: Letta, a ottobre andra’ approvata

colonna Sinistra
Domenica 18 agosto 2013 - 16:24

Legge elettorale: Letta, a ottobre andra’ approvata

(ASCA) – Rimini, 18 ago – La legge elettorale andra’ approvata a ottobre. E’ quanto ha affermato il presidente del consiglio Enrico Letta dal palco del Meeting di Rimini in occasione dell’apertura della manifestazione di Cl. Secondo Letta la riforma della legge elettorale e’ urgente ”per consentire al cittadino di tornare a essere arbitro”. La nuova legge elettorale e’ ”il cambiamento piu’ urgente da fare” ha aggiunto il premier.

La missione del governo e’ far uscire il paese dalla crisi. E’ quanto ha sottolineato il presidente del consiglio Enrico Letta parlando al Meeting di Cl a Rimini lanciando un nuovo monito. ”L’interesse di uscire dalla crisi – ha detto – deve prevalere sugli interessi di parte. L’uscita dalla crisi e’ a portata di mano – ha detto – e voglio che nessuno interrompa questo percorso di speranza che abbiamo iniziato”. Letta inoltre rivolto alla platea indica che i cittadini puniranno coloro che faranno prevalere l’interesse di parte su quello generale”. Parlare il linguaggio della verita’. Il premier Enrico Letta mutua le parole pronunciate dal capo dello Stato Giorgio Napolitano nel suo intervento al Meeting di Rimini di due anni fa. E il presidente del Consiglio indica che il cambiamento in atto nel paese e’ iniziato proprio da quelle parole di Giorgio Napolitano. Letta non nasconde le difficolta’ ma nel suo intervento al Meeting di Cl a Rimini mostra fiducia sulla capacita’ del paese. ”Se guardiamo al futuro usciremo dalla crisi” ha detto il premier criticando coloro che vogliono mantenere il conflitto permanente perche’ cosi’ si mantiene lo status quo. Ma Letta sottolinea anche che l’uscita dalla crisi passa anche per la buona politica. ”Dopo anni di malapolitica – ha detto – rilanciamo la buona politica”. ”Dobbiamo rilanciare la politica alta – ha aggiunto – non ci sono grandi scelte se non c’e’ la politica e noi non abbiamo avuto esempi di buona politica ma tanti di malapolitica”. ”Ma non ce la faremo senza buona politica, dobbiamo essere esigenti, richiedere trasparenza, costi ridotti, responsabilita’ e ricambio ma serve la politica alta”. did/rl

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su