Header Top
Logo
Lunedì 20 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Berlusconi: Rodota’, da nota Napolitano nessuno spiraglio per grazia

colonna Sinistra
Venerdì 16 agosto 2013 - 11:17

Berlusconi: Rodota’, da nota Napolitano nessuno spiraglio per grazia

(ASCA) – Roma, 16 ago – ”Spiragli per la grazia nella notadi Napolitano? Non ne vedo, non ci sono le condizioni, tratre anni non so cosa potrebbe accadere, ci potrebbe ancheessere una situazione di emergenza umanitaria, ma oggi comeoggi no”. Cosi’ Stefano Rodota’, intervistato da RadioCapital, commenta la nota del Presidente della Repubblica. ”Napolitano ha escluso che la grazia arrivi motu proprioe poi per la grazia sono fissate condizioni specifiche chefanno perno sul carattere umanitario della decisione. Fino aquando non saranno presenti le condizioni indicate dallalegge, dalla giurisprudenza, dalle consuetudinicostituzionali e dai precedenti, sono quattro i riferimentiche fa Napolitano, la grazia non puo’ essere concessa. Questodovrebbe chiudere il discorso e la partita”. Ma ci sonoaltre vie per la clemenza? ”No, non ci sono”, rispondeRodota’.

E la cosiddetta agibilita’ politica? ”E’ una invenzionedi questa fase, non ha nulla a che vedere con la grazia e checerca di forzare le istituzioni, anzi cerca di forzare lamano del Presidente della Repubblica per risolvere unproblema politico nato da una legittima decisione dellamagistratura. E’ un impraticabile tentativo di trovare unascorciatoia istituzionale. In questo momento l’agibilita’politica dipende dalle condizioni di funzionamento delsistema politico che sono pessime, un sistema che cerca discaricare sui meccanismi istituzionali responsabilita’ chesono sue proprie”. Cosa pensa del passaggio della nota in cui Napolitanoparla di ”legittime manifestazioni di dissenso” rispettoalla sentenza della Cassazione? ”Forse non era un passaggionecessario – risponde il giurista – era nello spirito che ilPresidente sta adoperando, dal suo punto di vista, cioe’quello di mantenere una rete di protezione per il governo, e’comprensibile. Diciamo che e’ un di piu’ che non mientusiasma. E’ un punto che se e’ ricondotto al fatto che e’legittimo un disagio e un dissenso ma che non legittimaritorsioni, si tratta di valutazioni politiche e su questo ionon sono d’accordo”. com-ceg/mau

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su