Header Top
Logo
Lunedì 20 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Imu: Della Vedova, serve equilibrio. Ceto medio pagherebbe abolizione

colonna Sinistra
Lunedì 12 agosto 2013 - 16:54

Imu: Della Vedova, serve equilibrio. Ceto medio pagherebbe abolizione

(ASCA) – Roma, 12 ago – ”Brunetta sostiene che l’abolizionetotale dell’Imu sarebbe giustificata dall’alta percentuale difamiglie italiane che vivono in una casa di proprieta’. Ma unquarto delle prime case e’ gia’ oggi esente e operando inmodo intelligente sulle detrazioni, in particolare per lefamiglie numerose e per gli anziani, e’ possibile ridurresignificativamente l’impatto dell’imposta sul ceto medio,come auspica oggi il ministro D’Alia, conservando circa lameta’ del gettito. Al contrario l’abolizione totale dell’Imu,che premierebbe le famiglie piu’ ricche e con redditi piu’alti, costituirebbe una vera anomalia europea e sarebbepagata proprio da redditi medio-bassi”. Lo afferma in unanota il senatore e portavoce di Scelta Civica, BenedettoDella Vedova.

Secondo Della Vedova ”la verita’ e’ che, sulla scortadella sfortunatissima abolizione totale dell’Ici del 2008,trovare oggi valide ragioni per la cancellazione dell’Imusulla prima casa differenti da ‘il Pdl l’ha promessa incampagna elettorale’ e’ impresa ardua anche per i suoifautori. Letta – prosegue il portavoce di Scelta Civica -potrebbe anche ritenere che soddisfare gli impegni sbagliatipresi dal Pdl in campagna elettorale sia un prezzo da pagareper assicurare la durata del suo Governo. Noi invece vorremmoche la durata dell’esecutivo, che ci preme davvero e non aparole, non dipendesse dal rispetto, di volta in volta, di unqualche aut-aut estraneo ad una logica di buon governo’europeo’ (oggi la marcia indietro sull’Imu e domani magarisulle pensioni?). Per questo – conclude Della Vedova -auspichiamo che Letta faccia una scelta equilibrata,modificando il regime attuale come si e’ impegnato a fare, mamantenendo un accettabile livello di coerenza nella politicafiscale del governo, per conservare la riacquistata fiduciain Europa e garantire la priorita’, anche nel taglio delletasse, agli interventi su crescita e occupazione”.

com-brm/cam/ss

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su