Header Top
Logo
Lunedì 26 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Berlusconi: Stefano, in Giunta non ragioniamo come gli ultra’ (Corsera)

colonna Sinistra
Venerdì 9 agosto 2013 - 09:41

Berlusconi: Stefano, in Giunta non ragioniamo come gli ultra’ (Corsera)

(ASCA) – Roma, 9 ago – Il 9 settembre sul caso Berlusconi laGiunta delle elezioni del Senato ”fara’ una seduta aoltranza, e non e’ un caso che quel giorno non c’e’ Aula.

Ascolteremo il relatore Andrea Augello che si e’ impegnato aportare in Giunta due proposte: la priorita’, comunque, e’quella per l’incandidabilita’ sopravvenuta dopo la condanna,che e’ assorbente rispetto alla proposta perl’ineleggibilita”’. Lo afferma il presidente della GiuntaDario Stefano (Sel), in un’intervista al ‘Corriere dellaSera’ assicurando che ”stiamo procedendo conresponsabilita’, come se fossimo di fronte a qualsiasi altrosenatore”. In Giunta ”non possiamo mica ragionare come allostadio. Non possiamo operare con lo spirito degli ultra’ macon lo spirito della responsabilita”’.

”Sarrebbe un paradosso – prosegue Stefano – che noiultimassimo la procedura di elezione per il Molise,dichiarassimo Berlusconi eleggibile, e poi decidessimo per lasua incandidabilita’. Il relatore dovra’ esporre in mododistinto le due proposte”.

Stefano spiega che se Augello propone la decadenza, ”laGiunta vota la decadenza, si apre una procedura dicontestazione a Berlusconi che avra’ 10 giorni per lecontrodeduzioni e la possibilita’ di essere ascoltato inudienza pubblica. Poi ci sarebbe la camera di consiglio pertrasmettere la decisione all’aula che voterebbe entro 20giorni”.

Se invece il relatore sceglie l’altra soluzione, quella dellairretroattivita’ della norma Severino, ”se e’ accolta laproposta va in aula”.

red-ceg/lus

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su