Header Top
Logo
Giovedì 29 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Dl fare: Zaia, campeggi a picco se camper equiparati a nuove costruzioni

colonna Sinistra
Giovedì 8 agosto 2013 - 19:41

Dl fare: Zaia, campeggi a picco se camper equiparati a nuove costruzioni

(ASCA) – Venezia, 8 ago – ”Siamo di fronte all’ennesimoesempio di quanto sia difficile fare impresa in questo paese.

Una norma del Decreto del fare assoggetta le roulotte, icamper e la case mobili all’interno dei campeggi a interventidi nuova costruzione. E’ surreale, ma anche devastante perl’economia del Veneto, dove l’offerta di turismo all’ariaaperta rappresenta il 27%delle presenze regionali, cioe’ 20milioni di turisti che danno lavoro a 13 mila addetti”.

Cosi’ il presidente della regione Veneto, Luca Zaia, critaduramente in una nota l’emendamento al ‘decreto del fare’ cherischia di penalizzare fortemente il settore dellaricettivita’ all’aria aperta soprattutto in Veneto doveesiste il piu’ grande polo del settore, ma anche nel restod’Italia.

”Per ragioni che stanno tra il discutibile el’incomprensibile – spiega Zaia – la collocazione all’internodei campeggi di roulottes, campers e case mobili vieneassimilata agli interventi di nuova costruzione, che pertantonecessitano di autorizzazione urbanistico/edilizia. In altritermini, il titolare di un campeggio avra’ l’obbligo didimostrare, caso per caso, che questi mezzi mobili dipernottamento sono utilizzati e/o abitati solo se autorizzatida gravose pratiche, impossibili di fatto da ottenere”.

”Per effetto di questa norma – dice ancora il presidentedel Veneto – l’Italia e’ l’unico Paese in Europa dove sichiede alle strutture ricettive di dimostrare, camper percamper, roulotte per roulotte, il regime di temporaneita’:equivale a chiedere al parcheggiatore di dimostrare che lasosta di ogni macchina e’ temporanea. Gia’ in queste ore sista facendo concreta l’interruzione degli ammodernamentiprogrammati, con la disdetta di unita’ mobili dipernottamento gia’ commissionate”.

”Il blocco degli investimenti – conclude Zaia – non eraproprio l’obiettivo che il ‘Decreto del fare’ voleva evitare?In questo caso si disfa, altro che fare. Il governo siravveda e modifichi, urgentemente, quella che e’ una normapriva di senso”.

com-stt/lus

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su