Header Top
Logo
Giovedì 23 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Berlusconi: Di Pietro, rinvio Giunta Senato e’ assurdita’

colonna Sinistra
Giovedì 8 agosto 2013 - 13:02

Berlusconi: Di Pietro, rinvio Giunta Senato e’ assurdita’

(ASCA) – Roma, 8 ago – ”Ieri, la Giunta per le immunita’,per essere in linea con quest’esecutivo dei rinvii, haconcesso altro preziosissimo tempo al condannato Berlusconi,posticipando di un mese sia il voto sulla sua decadenza siaquello sul ricorso presentato dall’IdV Molise sulla suaineleggibilita’. Un’assurdita’! Davanti a un condannato invia definitiva per frode fiscale, gia’ decaduto dal mandatonel momento della notifica, nonche’ in base alla LeggeSeverino, la Giunta ha rinviato un voto che avrebbe dovutoessere una mera formalita’, una presa d’atto e basta”. Loscrive sul suo blog il presidente onorario dell’Italia deiValori, Antonio Di Pietro. ”Quali che siano le ragioni che hanno fatto scattare ilrinvio, come quella secondo cui non si conoscono ancora lemotivazioni della Corte, o addirittura che lo stop dei lavorisia dettato dalla pausa estiva – aggiunge Di Pietro – c’e’ undato di fatto che e’ inequivocabile, chiaro e che non develasciare spazio ad alcun fraintendimento: la Cassazione hacondannato in via definitiva Silvio Berlusconi. Di cos’altroc’e’ bisogno? E’ evidente che dietro questa boccatad’ossigeno concessa a Berlusconi non si puo’ non intravedereun piano volto a dilatare i tempi, nella speranza che siriesca a trovare una strada qualsiasi per garantire unsalvacondotto al condannato, per dargli quella ‘agibilita”politica tanto anelata che, semplicemente, non esiste. Michiedo, cosa accadra’ quando a esprimersi sara’ l’Assembleadei senatori, visto il comportamento inconcludente dellaGiunta per le immunita’. ”Vedremo – dice ancora l’ex-magistrato – se il Senatoavra’ un sussulto di dignita’ e si limitera’, come e’ giustoche sia, a prendere atto della sentenza emessa dallaCassazione, o se, pur di proteggere un governo che nessuno havoluto, si pieghera’ al volere di un condannato, esprimendoun voto in contrasto con la sentenza che sarebbe un colpo diStato, una violazione dello Stato di diritto senzaprecedenti”.

”Berlusconi – conclude – ha gia’ fatto troppi danni alnostro Paese, ci ha fatto perdere credibilita’ davanti agliocchi della comunita’ internazionale, ha piegato, per anni,le istituzioni al proprio volere e ai propri interessifacendosi confezionare leggi ad personam. Ora non puo’ cherassegnarsi. Capiamo che per un individuo come lui siadifficile da accettare ma l’unica grande verita’ di questavicenda, l’unica non fraintendibile, e’ che la giustizia hafatto il suo corso e lo ha dichiarato colpevole”.

com/sgr/alf

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su