Header Top
Logo
Venerdì 28 Luglio 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Berlusconi: Vicari, intervista Esposito mina credibilita’ magistratura

colonna Sinistra
Martedì 6 agosto 2013 - 20:33

Berlusconi: Vicari, intervista Esposito mina credibilita’ magistratura

(ASCA) – Roma, 6 ago – ”L’intervista del giudice Esposito a’Il Mattino’ introduce un ulteriore elemento diinopportunita’ che aggrava un quadro gia’ difficile, e checertamente si riverbera sulla credibilita’ dell’organogiudicante. Pur tuttavia, non e’ compito della politicainterferire o sovrapporsi alle funzioni del Csm, cheautonomamente potra’ e sapra’ valutare la rilevanzadisciplinare della vicenda. Specie perche’ in questi giornidi interferenze e sovrapposizioni della politica allamagistratura se ne sono registrate tante, direi troppe”. Loha dichiarato la senatrice Simona Vicari, sottosegretarioallo Sviluppo Economico.

”Mi riferisco in particolare alle dichiarazioni diquanti, nell’immediatezza della pronuncia del verdetto, senzaalcuna pietas umana verso il condannato, hanno sollecitatobrutalmente l’azione della magistratura affinche’ prontamenteeseguisse la condanna, come se cio’ fosse diretto appannaggiodei partiti e non gia’ compito del Tribunale disorveglianza.

Il che inevitabilmente avvalora la tesi di una funzionepolitica di questa sentenza. Cio’ e’ inaccettabile – continuaVicari – anche perche’ l’invasione di campo e’ avvenuta adopera dei partiti che, contemporaneamente, si attardavanonella solita, demagogica e contraddittoria invocazionedell’autonomia della magistratura rispetto alla politica.

Vorrei ricordare a costoro che, mentre reclamavano a granvoce l’esecuzione della sentenza, neanche trascorsa un’oradalla sua pronuncia, essi stessi si sono sovrapposti esostituiti al giudice dell’esecuzione ed hanno preso le vecidella magistratura, cui unicamente spetta la responsabilita’della attuazione del giudicato. Lo scenario si e’ulteriormente complicato a causa dell’incauta esternazionedel giudice Esposito che, dismessi i panni di presidente delcollegio giudicante, ha subito indossato quelli della star,ritenendo fosse sua personale prerogativa quella dirappresentare ed anticipare i contenuti, ancora segreti e nonpubblicati, della motivazione a base della condanna. Michiedo se questo non contribuisce ad indebolire quel nucleodi garanzie a cui l’imputato Berlusconi, al pari di ognialtro, aveva e tuttora ha diritto, e che comprende lairreprensibilita’ e la compostezza del magistrato che lo hagiudicato, pena la perdita di autorita’ al cospetto deicittadini. In uno stato di diritto, perche’ siano effettivele sentenze debbono provenire da un giudice al di sopra diogni sospetto e credibile dal popolo in nome del quale essoesercita la giurisdizione. Per questo, le ragioni diinopportunita’ legate all’intervista del giudice Esposito,che si aggiungono alla nota vicenda dell’altro giudiceEsposito per i rapporti con la consigliera Nicole Minetti,rappresentano plasticamente il quadro di una giustiziacertamente bisognosa di una importante azione di riforma,cosi’ come lo stesso presidente Napolitano ha rammentato algoverno ed al Parlamento in carica”. conclude Vicari. com-ceg/cam/ss

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su