Header Top
Logo
Venerdì 24 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Ue: verso l’istituzione di una procura europea contro frodi comunitarie

colonna Sinistra
Lunedì 5 agosto 2013 - 12:35

Ue: verso l’istituzione di una procura europea contro frodi comunitarie

(ASCA) – Bruxelles, 5 ago – Il bilancio dell’Unione europeaperde circa 280 milioni di euro all’anno a causa di frodi cheledono gli interessi finanziari dell’Ue. Se il progetto diistituzione della Procura europea fosse approvato, questaistituzione avra’ il mandato di impedire efficacemente l’usoillegale dei fondi di bilancio dell’Ue e ulteriori frodi.

Attualmente l’Unione europea non puo’ perseguiredirettamente questi reati perche’ la competenza esclusivaappartiene agli Stati membri.

A denunciarlo il ministro della Giustizia lituano (ilpaese detiene la presidenza Ue nel secondo semestre 2013),Juozas Bernatonis.

”Come risultato di danni causati da questi reati -sottolinea il ministro – l’Ue perde ogni anno centinaia dimilioni di euro. A causa delle limitate risorse delleautorita’ di contrasto nazionali tali crimini non vengonosempre indagati. A volte i truffatori non sono puniti per icrimini commessi contro il bilancio dell’Ue, in particolarequando tali reati sono commessi in piu’ Stati membri.

Pertanto, e’ necessario garantire la massima efficienza nellaprotezione del denaro dei contribuenti europei ”’.

Gli attuali organi dell’Ue – Olaf (Ufficio europeo dilotta antifrode), Eurojust (Unita’ di cooperazionegiudiziaria dell’Unione europea) e di Europol (agenzia diintelligence criminale Ue) – non hanno il mandato per larepressione delle frodi. L’Olaf puo’ solo sensibilizzare gliorganismi nazionali competenti, con i risultati delleindagini amministrative condotte, ma tocca agli stessiorganismi nazionali decidere per conto proprio se avviare unprocedimento penale sulla base di tali conclusioni.

La proposta di istituire l’Ufficio del Procuratore europeoe’ stata presentata dalla Commissione europea il 17 luglio.

La competenza della Procura europea appena costituitavertera’ sull’accertamento dei reati commessi contro ilbilancio dell’Ue, il perseguimento dei loro autori e complicie il supporto per l’accusa nei tribunali nazionali.

L’ufficio del pubblico ministero europeo avra’ il dirittodi chiedere o, se necessario, di ordinare le azioniinvestigative definite nella proposta di regolamento: perquanto riguarda gli interrogatori dei testimoni e sospetti,la nomina di esperti, quando vi e’ la necessita’ di specialeknow-how, e l’imposizione di misure di esecuzione (sequestrodi beni, perquisizioni nei locali e dei sistemi informatici,ascolto di telefonate, congelamento delle transazionifinanziarie).

La proposta di regolamento relativo all’ufficio delpubblico ministero europeo stabilisce che tutte le misure diindagine devono essere convalidate dal tribunale o altroorgano giudiziario nazionale competente, come specificatonegli atti giuridici nazionali o richiesti dal regolamentoper l’ufficio del pubblico ministero europeo.

Le prove legittimamente raccolte in uno Stato membrodovrebbero essere ammissibili nei tribunali di tutti gliStati membri.

Secondo la proposta della Ce, l’ufficio del pubblicoministero europeo deve avere una struttura decentratacostituito dalla procura europea, quattro procuratori europeie procuratori europei delegati, in ciascuno Stato membro, everra’ integrato con i sistemi giudiziari nazionali.

”I procuratori delegati europei avranno il mandato disvolgere indagini e azioni penali nei rispettivi Stati membricoinvolgendo esperti nazionali e applicando la leggenazionale. Continuano nell’esercizio delle loro funzioni,come pubblici ministeri, ma quando agiscono per contodell’ufficio del pubblico ministero europeo, devono esserecompletamente indipendenti dagli organi nazionali di azionepenale ”sostiene il ministro della Giustizia lituano.

L’istituzione della Procura europea e’ uno dei temiprioritari della presidenza della Lituania del Consigliodell’Ue nella sfera del diritto penale. Secondo il ministrodella Giustizia, metodi nuovi ed efficaci per combattere ireati che ledono gli interessi finanziari dell’Unione europeasono assolutamente necessarie, ma devono essere adeguatamentediscusse dagli Stati membri.

Il progetto di istituzione della Procura europea e’strettamente legata alla proposta di direttiva sulla lottacontro la frode agli interessi finanziari dell’Unionemediante il diritto penale. In virtu’ della presentedirettiva, gli Stati membri sono tenuti a punire le personefisiche e giuridiche per reati (frodi e le attivita’ illeciteconnesse) che ledono gli interessi finanziari dell’Unione, eper la complicita’ e tentativo di commettere tali crimini.

(fonte Afp).

sat/

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su