Header Top
Logo
Venerdì 23 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Dl Fare: odg Gal lancia Piano per il Sud, agevolare lavoro giovani

colonna Sinistra
Lunedì 5 agosto 2013 - 15:13

Dl Fare: odg Gal lancia Piano per il Sud, agevolare lavoro giovani

(ASCA) – Roma, 5 ago – Lavoro per i giovani, sgravi per leimprese e interventi infrastrutturali che colmino i ritardidel Sud Italia. E’ quanto prevede un ordine del giornopresentato dal gruppo Grandi Autonomie e Liberta’ del Senato,primo firmatario Antonio Scavone, al decreto del Fare,illustrato dal capogruppo Mario Ferrara e accolto dal governoin Commissione Bilancio. Lo rende noto un comunicato. L’odgparte dai dati dell’ultimo rapporto Svimez che fotografalivelli di Pil piu’ bassi al Sud Italia rispetto al resto delPaese (nel 2012 il Pil italiano e’ diminuito del 2,4%scendendo nel Mezzogiorno del 3,2%), il rischio poverta’delle famiglie meridionali con un crollo dei consumi, lasituazione sempre piu’ difficile delle industrie e l’aumentodi disoccupati, soprattutto donne e giovani. Per questo, silegge, si rende necessario ”un Piano complessivo e definitoper il Paese che veda nel Mezzogiorno un volano per l’interosistema Italia”.

Il provvedimento si snoda in 10 punti e prevede un nuovoPiano per il Mezzogiorno che abbia durata pluriennale. Inparticolare, misure che consentano ai datori di lavoro cheassumono a tempo indeterminato lavoratrici dipendenti di ognieta’ la concessione per gli anni 2014, 2015 e 2016 di uncredito d’imposta d’importo pari al 70% dei costi salarialisostenuti nei 30 mesi dopo l’assunzione; l’adozione di un’Piano straordinario pluriennale per l’integrazionelavorativa dei giovani laureati del Mezzogiorno’ el’istituzione di un Fondo per la riduzione del costo delcredito nel Mezzogiorno. Ma non solo: si chiede diautorizzare Calabria, Campania, Puglia, Sicilia, Basilicata,Sardegna, Abruzzo e Molise alla contrazione di mutui pressola Cassa Depositi e Prestiti per il finanziamento diprogrammi straordinari di sostegno alle piccole e medieimprese e, infine, di valutare la predisposizione di unintervento per le infrastrutture che risolva il ritardo delMezzogiorno rispetto al resto d’Europa secondo le indicazionidate dalla Ue per la realizzazione dei Corridoi europei chesi prolungano sino in Italia e i necessari raccordiautostradali ai Corridoi dalle varie province del Sud.

com-brm/lus

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su