Header Top
Logo
Venerdì 17 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Riforme: La Russa, non ottimista ma scegliamo favorire cambiamento

colonna Sinistra
Giovedì 1 agosto 2013 - 13:17

Riforme: La Russa, non ottimista ma scegliamo favorire cambiamento

(ASCA) – Roma, 1 ago – ”Fratelli d’Italia si e’ interrogatasulla utilita’ della nascita di questo comitato e dopoun’attenta valutazione ha deciso di votare a favore”. Loafferma Ignazio La Russa, presidente di Fratelli d’Italia nelsuo intervento in Aula durante la discussione generale sulddl per le riforme costituzionali.

”In passato – ha aggiunto La Russa – abbiamo gia’ vistodelle bicamerali, la prima addirittura e’ nella memoria dipochi. Poi ci fu quella presieduta da D’Alema. Ma ilrisultato finora non e’ mai stato positivo. Non e’ mai statacambiata la Costituzione nelle parti che molti ritenevano didoverla cambiare perche’ risente del clima politico eculturale in cui nacque. Oggi, un Governo che ha unalarghissima maggioranza, ci chiede di acconsentire allanascita di una super commissione per avere la possibilita’ dilavorare piu’ speditamente e Fdi non e’ contraria a priori. Enon abbiamo critiche particolari da muovere a chi non ritieneche sia questa la strada piu’ opportuna anche se ci sembranoeccessivi alcuni toni di ”lesa Costituzione’ o di ”lesoParlamento”’.

”Ma Fdi – prosegue La Russa – ritiene che l’obiettivoprincipale sia di mettere mano alla Costituzione e non ditrovare le occasioni per non fare nulla. Certo, io non sonomolto ottimista: so che la maggioranza fara’ piu’ resistenzadi quanto saranno vogliosi di ammettere, di fronte allapossibilita’ di trasformare questa Repubblica in unaRepubblica semi-presidenziale, obiettivo principale del miogruppo per dare finalmente ai cittadini la possibilita’ dieleggere direttamente il capo dello Stato ed eliminare queifumosi passaggi nelle stanze di partito”.

”Non abbiamo la certezza che questo comitato sia utile -conclude La Russa – ma l’aspettativa di Fratelli d’Italia e’che almeno il Parlamento si possa pronunciare: scegliamo difavorire il cambiamento e di non favorire l’immobilismo”.

com-ceg/cam/alf

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su