Header Top
Logo
Sabato 25 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Piemonte: Consiglio di Stato revoca sospensiva chiusura emodinamiche

colonna Sinistra
Venerdì 26 luglio 2013 - 17:47

Piemonte: Consiglio di Stato revoca sospensiva chiusura emodinamiche

(ASCA) – Torino, 26 lug – La riduzione dei laboratori diemodinamica e’ legittima. E’ quanto ha stabilito ieri ilconsiglio di Stato che in un’ordinanza ha sostenuto chel’interesse della Regione alla razionalizzazione della retesanitaria e’ prevalente e non sussistono profili diincongruita’. Per questi motivi il Consiglio di Stato haaccolto il ricorso dei legali della giunta Cota contro ladecisione del Tar che aveva sospeso il 24 maggio la deliberadella Giunta regionale che riduceva il numero delleemodinamiche presenti sul territorio e in particolaredisponeva la chiusura di quelle di Moncalieri e Orbassano. ”Sono ovviamente contento – ha commentato il presidentedella Regione Piemonte Roberto Cota – , non avevamo delresto dubbi sulla correttezza dell’operato della Giunta. Iricorsi su queste materie sono in realta’ solo una perdita ditempo prezioso e auspico quindi che finiscano, anche perche’la riforma sanitaria e’ fatta nell’interesse di tutti ipiemontesi ”. Prevale, allo stato, l’interesse ”perseguito dallaRegione alla razionalizzazione della spesa sanitaria – scriveil Consiglio di Stato – ed alla riorganizzazione della reteospedaliera in un’ottica di efficienza, rispetto alle qualiil sindacato del giudice amministrativo e’, com’e’ noto,limitato ad evidenti profili di incongruita”’, a prima vista”insussistenti”. Resta salva la facolta’ concorde delle parti, prosegue ilgiudice di secondo grado, di chiedere, sul piano processuale,un’anticipazione dell’udienza gia’ fissata per la trattazionedel merito da parte del Tar. Cosi’ come la Regione puo”’riconsiderare, ove lo ritenga, le determinazioniassunte”.

Per l’Assessore alla Sanita’, Ugo Cavallera: ”l’ordinanzadimostra la fondatezza delle decisioni assunte dalla Giuntaregionale in merito al riordino della rete ospedaliera eripristina la piena potesta’ programmatoria e gestionaledella Regione. Ora si possono  adottare i provvedimentinecessari”.

eg/sat

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su