Header Top
Logo
Mercoledì 28 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Riforme: Quagliariello, approvare sia ddl costituzionale che ddl partiti

colonna Sinistra
Mercoledì 24 luglio 2013 - 19:38

Riforme: Quagliariello, approvare sia ddl costituzionale che ddl partiti

(ASCA) – Roma, 24 lug – ”Chiamato in Commissione AffariCostituzionali a causa della contemporanea presenza incalendario di due provvedimenti entrambi inerenti la materiaistituzionale, il Governo, nella persona del ministroQuagliariello, ha ribadito che auspica la conclusionedell’esame da parte della Camera tanto del disegno di leggecostituzionale che fissa l’iter delle riforme, quanto deldisegno di legge sul finanziamento dei partiti, e cheaffinche’ cio’ avvenga prima della pausa estiva e’ pienamentedisponibile a contribuire nei modi e nei tempi che laCommissione decidera’ allo svolgimento di un esame completoed esaustivo dei progetti di legge all’esame dellaCommissione stessa”. E’ quanto si legge in una notadell’ufficio stampa del ministero per le Riformecostituzionali. ”Il Governo inoltre – prosegue la nota -, chiamato aesprimere un parere circa l’ordine di esame fra i dueprovvedimenti, ha evidenziato che l’iter di esame delle leggicostituzionali impone un intervallo di tre mesi tra la primae la seconda lettura da parte di ogni ramo del Parlamento, eche dunque una eventuale mancata calendarizzazione deldisegno di legge, che si limita a disciplinare l’iter delleriforme senza fornire alcuna indicazione sul merito dellestesse, avrebbe comportato uno slittamento complessivo dicirca due mesi e mezzo, con un significativo allungamento deitermini rispetto ai diciotto mesi indicati dal presidenteLetta e dalle stesse mozioni parlamentari per ilcompletamento della revisione costituzionale. Per questaragione il Governo, in cio’ confortato dal parere conformedei capigruppo di maggioranza in Commissione, ha ritenuto disuggerire l’esame preventivo del disegno di leggecostituzionale, e immediatamente dopo l’esame della leggeordinaria sul finanziamento ai partiti.

Ovviamente con il forte auspicio che prima della pausa estivapossano essere licenziati entrambi: obiettivo tanto piu’raggiungibile – conclude la nota del ministero – quanto piu’si garantira’ alla Camera un lavoro proficuo e spedito”.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su