Header Top
Logo
Domenica 25 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Regioni: a rischio diritto a studio universitario, ritirare emendamento

colonna Sinistra
Mercoledì 24 luglio 2013 - 16:28

Regioni: a rischio diritto a studio universitario, ritirare emendamento

(ASCA) – Roma, 24 lug – La Conferenza delle Regioni e delleProvince autonome consegna oggi al Governo, durante laConferenza Stato-Regioni, un documento sui problemi relativiall’emendamento approvato dalla Camera dei Deputati cheintroduce nuove norme in materia di diritto allo studiouniversitario. L’emendamento, dicono dalle regioni, e’ daritirare in quanto ”crea le condizioni per una confusionenormativa e di gestione, tale da mettere a rischio le attualigaranzie che gli studenti hanno finora riconosciute”. Lenuove norme introdotte, infatti, oltre ad invadere lacompetenza esclusiva delle Regioni in materia, comportano duedistinti sistemi di diritto allo studio, quello”ministeriale” e l’altro ”regionale”, con un doppiocanale di finanziamento, facendo credere che ci siano piu’risorse quando in realta’ ce ne sarebbero meno. Il nuovo canale di diritto allo studio abbozzato nel”Decreto del Fare” viene finanziato con una quota del”Fondo di Finanziamento Ordinario” spettante alleuniversita’ per 274 milioni di euro. Cosi’ si ottiene undoppio effetto negativo: da una parte si toglie alleuniversita’ una parte dell’FFO appena e faticosamentericonquistato, dall’altra si sancisce laderesponsabilizzazione finanziaria dello Stato in materia diDSU, dato che risorse del Fondo statale per il diritto allostudio per l’anno 2014 sono pari a zero. Per concludere, spiegano le regioni, ”e’ il ‘preconcetto’dietro l’emendamento ad essere sbagliato. Il diritto allostudio non puo’ ridursi ad un bancomat, cioe’ alla solaerogazione monetaria delle borse di studio, ma si tratta diun sistema di servizi ed investimenti (alloggi, mense,strutture dedicate) che le Regioni portano avanti da anni,anche con fondi propri, per garantire che il diritto allostudio sia un effettivo diritto di cittadinanza per tutti glistudenti”. Per questo, concludono le regioni ”chiediamo alGoverno di attivarsi per il rifinanziamento del Fondo stataleper le borse di studio per i prossimi anni e per terminare ilpercorso di riforma del sistema del diritto allo studiodisegnato dal decreto legislativo 68”.

red/rus

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su