Header Top
Logo
Mercoledì 22 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Governo: Di Pietro, ostaggio Berlusconi. Moratoria temi etici? Vergogna

colonna Sinistra
Lunedì 22 luglio 2013 - 13:44

Governo: Di Pietro, ostaggio Berlusconi. Moratoria temi etici? Vergogna

(ASCA) – Roma, 22 lug – ”Questo Governo e’ ostaggio diBerlusconi. E l’immagine dell’Aula del Senato della scorsasettimana, durante il dibattito del caso Kazako, mostravaquesta verita’ nuda e cruda”. Lo scrive in un post sul suoblog il Presidente onorario dell’Italia dei Valori, AntonioDi Pietro.”Infatti – prosegue – la gestione nonche’ larisoluzione di quel caso hanno tolto ogni dubbio. Adesso, cheil leone Pdl ha piegato definitivamente a se’ il Pd, tuttodiventa lecito. Cosi’ i berlusconiani pretendono unriequilibrio nella compagine governativa a loro favore emettono anche una vergognosa moratoria sui temi etici, esuppongo che la stessa moratoria, a porte chiuse, sia stataavanzata per la lotta all’evasione e alla corruzione, essendoil deus ex machina un condannato in Appello proprio per frodefiscale”. ”E c’e’ chi – aggiunge Di Pietro – tra le fila del Pdl sispinge oltre, chiedendo la riforma della giustizia,naturalmente e’ sottinteso che questa debba soddisfare ilCavaliere e quindi puntare a ripulire la sua fedina penale,con buona pace dello Stato di diritto e della giustiziastessa. Povera Italia, in balia di un esecutivo monco, chefino ad oggi ha solo vivacchiato e non ha fatto nulla perrisolvere la drammatica situazione economica e sociale delPaese. In autunno ne vedremo delle belle, visto che tutte lescadenze sono state posticipate. Noi non ci arrendiamo. E lafotografia dell’altro giorno a Palazzo Madama, che ritraevail premier Letta applaudito da Berlusconi e dai suoi sodali,fa comprendere perche’ il sistema ci ha espulsi, denigrati eallontanati: noi non avremmo mai consentito tutto questo,avremmo urlato, presentato mozioni di sfiducia vere, occupatoAule e informato a dovere i cittadini, costringendo queideputati responsabili e di buona volonta’ a non piegarsi aidiktat di un condannato in Appello”. ”Ma state tranquilli -conclude Di Pietro – IdV c’e’, e anche se i media ci hannooscurato continueremo a batterci contro la Casta, a difesadella Carta e dello Stato di diritto”. com/vlm

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su